Isola di Man

Article

August 16, 2022

L'Isola di Man (anche Mann, in Manx Mannin) si trova nel Mare d'Irlanda tra Inghilterra, Scozia, Irlanda e Galles. Ha dimensioni di circa 48×16 km e la sua superficie è di 572 km2. L'uomo è un'isola di Man (Isola di Man inglese, Manx Ellan Vannin) dipendente dalla Corona britannica. Questo territorio non è parte integrante del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord. Il suo centro amministrativo è la capitale Douglas.

Storia

I vichinghi (norvegesi inglesi) si insediarono nell'isola di Man alla fine dell'VIII secolo. Nel 1079, il conquistatore vichingo-galico Godred Crovan, che era già il sovrano del Regno di Dublino (Regno di Dublino), creò il cosiddetto Regno di Mann e delle Isole (Regno di Mann e delle Isole). La sua capitale si trovava sull'isola di San Patrizio e il re risiedeva a Peel Castle. Oltre all'Isola di Man, altre isole a sud-ovest della Scozia appartenevano a questo piccolo regno. Esisteva in questa forma fino al 1164, quando fu divisa in due regni. Godred Crovan, conosciuto sull'isola come Re di Orry o Gorry, morì nel 1095 di peste. Lasciò tre figli i cui nomi erano Lagmann, Olaf I e Harald. Lagmann si oppose ad Harald e lo fece accecare. I discendenti di Lagmann e Olaf I governarono quindi il regno finché un certo Somerled se ne impadronì. La famiglia di quest'uomo regnò fino al 1265, quando l'Isola di Man fu conquistata dal re scozzese Alessandro III. Ancora nel 1275, Godred VI, figlio dell'ultimo re del piccolo regno insulare, stava cercando di tornare al suo trono. Il Regno di Mann e delle Isole è stato formalmente parte del Regno di Norvegia per secoli di dominio vichingo. Nel 1266, il re norvegese Magnus VI si dimise. in base al Trattato di Perth tutte queste isole caddero in Scozia. Nel 1284 vi stabilì Alessandro III capo della famiglia Macdonald (clan) Angus Macdonald (chiamato anche Aonghas Mór) signore dell'Isola di Man e delle Ebridi Esterne. I capi del clan Macdonald agirono come sovrani quasi indipendenti per i due secoli successivi e molto spesso si opposero al re scozzese. Nel XIV secolo sorsero controversie tra Inghilterra e Scozia sull'Isola di Man. Dopo un periodo di alternanza di dominazioni da parte di un paese o di un altro, l'isola passò definitivamente sotto il controllo inglese nel 1399 (sotto forma della cosiddetta signoria feudale della corona inglese). A seguito delle modifiche costituzionali e della creazione della Gran Bretagna, l'Isola di Man è un territorio dipendente dalla Gran Bretagna dal 1765. Durante entrambe le guerre mondiali, furono istituiti campi di internamento alieni sull'isola di Man. La maggior parte del territorio dell'Isola di Man - un'area di 457.000 ha - è stata inclusa nella Riserva della Biosfera dell'UNESCO nel 2016.

Geografia

L'isola di Man fa parte delle isole britanniche, che si trovano a nord-ovest della terraferma europea. L'isola si trova nel Mare d'Irlanda, circa a metà strada tra Inghilterra, Scozia e Irlanda del Nord. L'isola è lunga circa 48 km e larga 13–24 km. Le colline a nord ea sud sono divise in due da una valle nel mezzo. L'estremo nord è eccezionalmente piatto, formato da depositi glaciali. La montagna più alta, Snaefell, è alta 621 metri. Secondo la leggenda, dal suo apice si possono vedere sei regni: l'ex Regno dell'Uomo, il Regno di Scozia, l'Inghilterra, l'Irlanda, il Galles e il Regno dei Cieli. Alcune versioni aggiungono un settimo regno: il regno del mare (o il regno di Nettuno).

Popolazione

L'Isola di Man ha una popolazione di circa 80.000 abitanti (80.058 secondo il censimento del 2006), di cui circa 26.000 (26.218 secondo il censimento del 2006) vivono nella capitale Douglas). La densità di popolazione è di 140 abitanti per chilometro quadrato. L'ultimo madrelingua di Manx è morto nel 1974, ma recentemente la lingua viene insegnata di nuovo.

Economia

Allevamento bestiame (ovini, bovini, avicoli), pesca, turismo (325mila presenze nel 1990).

Governo

L'isola di Man è sola