Giornale del Popolo

Article

August 15, 2022

Lidové noviny (dal 2 aprile 1939 con il sottotitolo Lista della solidarietà nazionale; dal 14 marzo 1942 sempre senza sottotitolo; successivamente nel 1945-1948 con il nome Svobodné noviny), quotidiano fondato nel 1893 a Brno dal giornalista e politico Adolf Stránský , in cui pubblicavano regolarmente un certo numero di noti scrittori cechi. Divennero il successore di Moravské listy pubblicato dal 1889 e ribattezzato Lidové noviny su iniziativa di T. G. Masaryk. Fino alla seconda guerra mondiale, questo quotidiano era molto apprezzato [Fonte?] Poiché è stato pubblicato durante la guerra, il suo nome ha dovuto essere cambiato in Svobodné noviny dopo la liberazione (ritorno al nome originale dal 9 maggio 1948). Dopo il colpo di stato comunista del 1948, la pubblicazione di questo giornale fu definitivamente interrotta nel 1952. Nel 1987, la pubblicazione è stata ripresa illegalmente e dal 1990 legalmente. Fin dall'inizio, Lidové Noviny si è concentrato sulla politica estera e sulla cultura. Sono stati i primi nella Repubblica Ceca a pubblicare una caricatura politica. I loro collaboratori ed editori includevano Karel Čapek, Josef Čapek, Eduard Bass, Karel Poláček, Jiří Hejda, Edvard Valenta, Rudolf Těsnohlídek, Jiří Mahen, Jan Drda, Václav Řezáč, nonché i presidenti Tomáš Garrigue Masaryk. e Edvard Benešk. Nel 1987 il titolo fu rinnovato da un gruppo di dissidenti che decisero di creare un giornale indipendente. Persone come Jiří Ruml, Jiří Dienstbier e Ladislav Hejdánek sono legate agli inizi della moderna pubblicazione di questi giornali. Il loro obiettivo era quello di registrare e pubblicare ufficialmente il giornale come mensile. Nell'autunno del 1987 furono pubblicati due zero numeri, il primo numero fu pubblicato nel gennaio 1988. Poiché il giornale non poteva essere registrato ufficialmente fino al novembre 1989, i creatori dovettero distribuirlo come samizdat. Nella primavera del 1990, Lidové Noviny iniziò ad essere pubblicato come quotidiano. Pochi anni dopo, furono fusi con il defunto People's Democracy (quotidiano del Partito popolare cecoslovacco), da cui presero il colore blu del titolo. Fino al 2013, il quotidiano apparteneva alla Rheinisch-Bergische Druckerei- und Verlagsgesellschaft, l'editore della Rheinische Post, che pubblicava anche il quotidiano Mladá fronta DNES nella Repubblica ceca. Nel 2013, Andrej Babiš ha acquistato la casa editrice, resp. la sua preoccupazione Agrofert.

Storia

Fino al 1918

Storicamente, il primo numero è stato pubblicato a Brno il 16 dicembre 1893. Il giornale è stato creato dalla fusione della rivista di Olomouc Pozor e del Brno Moravské listy, il cui fondatore Adolf Stránský ha avviato la fusione. La prima redazione di LN con il caporedattore Emil Čermák ha raggiunto una tiratura di circa 6.000 copie. Nel 1898 Adolf Stránský divenne l'unico proprietario del giornale. Per ridurre i costi, nel 1903 fondò la stamperia popolare e quattro anni dopo fornì ai giornali e alla tipografia una sede in una casa a Brno. Arnošt Heinrich, che Stránský accettò nel 1904, prese parte a una significativa modernizzazione del giornale. Ha iniziato applicando l'edizione del mattino. Fino al 1905, LN non fu pubblicato fino al pomeriggio, quindi la notizia non era aggiornata. L'edizione del mattino aveva una fotografia invece di un editoriale, c'era una "sensazione", un'aula di tribunale. Il boschetto mattutino divenne la lettera principale del 1909. Le idee di Heinrich attirarono l'attenzione di molti scrittori che iniziarono a contribuire ai giornali. Questi includevano: Viktor Dyk, Karel Toman, Antonín Sova, S. K. Neumann, Fráňa Šrámek, Jiří Mahen, František Gellner, Rudolf Těsnohlídek e altri. Un passo importante fu l'invio di Karel Z. Klíma come corrispondente parlamentare a Vienna nel 1907. Il prestigio di LN crebbe e con esso l'influenza politica di Stránský. Insieme a Heinrich, partecipò al colpo di stato di Brno e alla proclamazione della Repubblica cecoslovacca, entrambi divennero membri dell'Assemblea nazionale rivoluzionaria e Stránský divenne anche ministro del commercio.

Prima Repubblica

L'era più famosa di Lidové noviny è associata al periodo della Cecoslovacchia tra le due guerre. Il principale centro politico è cambiato