latina

Article

August 17, 2022

Il latino (lingua latina) è una lingua italiana della famiglia delle lingue indoeuropee parlate nell'antica Roma. Sebbene sia considerata una lingua morta, conserva ancora il suo significato. L'origine del latino può essere localizzata in Latia intorno a Roma intorno al periodo del VII secolo aC In seguito, l'uso del latino si diffuse in gran parte dell'Italia odierna. Con l'espansione territoriale dell'Impero Romano, la lingua latina si diffuse in tutte le sue province. Nel corso del tempo, il latino colloquiale (cosiddetto volgare) in questi territori si è sviluppato nelle lingue romanze odierne, ovvero francese, italiano, spagnolo, portoghese, rumeno, romancio e altre. Tuttavia, il latino ha fortemente influenzato (attraverso il francese), ad esempio l'inglese. Il latino letterario e letterario continuò ad essere usato nel mondo colto e, dopo il crollo dell'Impero Romano d'Occidente, divenne la lingua della Chiesa e degli studiosi. Grazie all'uso artistico amministrativo, ecclesiastico, universitario e letterario ufficiale, il latino medievale mantenne la sua posizione fino alla promozione delle lingue nazionali in Europa durante il Rinascimento. Alla fine, il latino divenne una lingua morta. Tuttavia, è utilizzato anche nella liturgia e nell'amministrazione cristiana, nella terminologia professionale (nei campi della medicina, della biologia, del diritto, della filosofia, della filologia, della teologia, della storia, ecc.). Il latino è ancora usato nella Chiesa cattolica romana ed è una delle lingue ufficiali del Vaticano. Oltre al greco antico, è fonte di molti termini in varie discipline scientifiche. L'alfabeto latino, chiamato latino, è la scrittura più utilizzata al mondo. La filologia classica si occupa dello studio del latino.

Alfabeto latino

L'origine del latino è nella scrittura consonante fenicia, da cui ha avuto origine la scrittura greca fonetica (alfabeto). Gli abitanti di Latia derivarono la loro scrittura dalla scrittura etrusca, che crearono sotto l'influenza dei vicini Etruschi. L'alfabeto latino originale aveva 20 lettere: A, B, C, D, E, F, H, I, K, L, M, N, O, P, Q, R, S, T, V, X. Alcune lettere denotavano due suoni diversi, quindi in seguito iniziarono ad essere usate altre lettere: G precedentemente scritta con C, J scritta con I e U scritta come V. Molto rara è la lettera K comunemente scritta C. Le lettere Y e Z sono usate solo in parole prese in prestito dal greco per la trascrizione di ypsilon e zeta. Le legature Æ e Œ sono talvolta utilizzate per i dittonghi AE e OE. La lunghezza di una vocale è solitamente indicata solo per testi didattici (es. in un dizionario) utilizzando un segno diacritico sotto forma di virgola orizzontale sulla vocale: Ā significa á lungo. Se necessario, anche una vocale breve è contrassegnata da un arco: Ă. Nell'antica Roma si usavano solo lettere maiuscole, minuscole (lettere minuscole) hanno avuto origine nel Medioevo. Oggi le lettere minuscole sono comunemente usate, le lettere maiuscole sono scritte all'inizio di una frase e per i nomi propri e le parole che ne derivano. Anche la punteggiatura non era comune nel latino classico. L'ortografia latina può anche essere influenzata dalle usanze locali o del settore.

Diversi tipi di latino

Il latino, lingua utilizzata da più di mille anni, si è evoluto e oggi si divide in più gruppi in base allo sviluppo e all'ambito di utilizzo. Tuttavia, questi gruppi spesso non sono definibili con precisione. Latino antico - Latino fino all'inizio del I secolo aC I testi scritti in questa forma non conoscono ancora l'uso stabilito della notazione e in essi compaiono forme e forme arcaiche, che non furono più utilizzate in seguito. Latino classico - Latino dell'antico Impero Romano, lingua dei grandi autori antichi "classici", soprattutto a partire dalla fine del secolo (soprattutto Cesare e Cicerone, Ovidio, Orazio, Livio e Virgilio). Di solito è considerato più difficile. Fu un modello in entrambe le grandi riforme della lingua latina (carolingia e umanistica). Il latino volgare era il dialetto parlato dalla popolazione