Funghi

Article

August 17, 2022

I funghi (Fungi, Mycetalia) rappresentano un grande gruppo di organismi viventi precedentemente classificati come piante (come il loro sottoregno Mycophyta), successivamente separati da Robert Whittaker come regno separato e attualmente classificati insieme, ad esempio, agli animali come parte del supergruppo Obazoa e del clade Opisthokonta . I suoi rappresentanti si trovano in tutta la Terra e tra questi ci sono importanti decompositori, parassiti e specie utilizzate nell'industria e nella produzione alimentare. Molte specie sono mutualiste che vivono in simbiosi con piante vascolari o alghe. Nel 2022 sono ufficialmente descritte oltre 150.000 specie di funghi, ma in realtà ci sono ordini di grandezza in più; secondo le ultime stime (anno 2021) pubblicate dagli scienziati dell'Istituto di Microbiologia dell'Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca, si tratta di 6,28 milioni di specie. Nella Repubblica Ceca sono state identificate circa 10.000 specie. In senso stretto, i funghi (Fungi) sono organismi talloidi di varie forme e dimensioni, privi di coloranti assimilativi (cioè privi di plastidi), con nutrizione eterotrofica, con parete cellulare chitinosa. La sostanza di stoccaggio è il glicogeno. I funghi si riproducono sia per via vegetativa (per rottura dei filamenti miceliali) sia per spore asessuate o sessuali. La scienza che si occupa dei funghi si chiama micologia.

Evoluzione

I funghi apparentemente si sono evoluti da semplici organismi acquatici con spore flagellate; quindi, gli antenati dei funghi potrebbero essere sembrati simili ai chitridiomiceti. La perdita di flagelli si è verificata una o più volte. L'origine dei funghi sarebbe avvenuta nel tardo Paleozoico, 900-570 milioni di anni fa. Nuove scoperte di fossili con una struttura fibrosa che ricorda le spugne, per i quali però non è ancora possibile escludere del tutto un'origine geologica dall'analisi chimica, possono spingere l'origine dei funghi, quindi esclusivamente organismi marini, fino a 2,4 miliardi di anni fa .Pennsylvania (Carbonifero, 320-286 milioni di anni fa), secondo i ritrovamenti fossili, tutti i principali gruppi di funghi, come conosciuti oggi, erano già presenti. Durante i periodi siluriano e devoniano, i funghi erano i principali organismi terrestri. I prototassiti, gli organismi più grandi dell'epoca (fossili fino a 6 m di altezza), sono stati identificati come funghi in base al rapporto tra gli isotopi di carbonio C13 e C12 nei loro resti fossili. Gli organismi terrestri comprendevano allora solo piccoli vermi, millepiedi e insetti privi di ali, che vivevano principalmente nel terreno, raramente in superficie; le piante fotosintetiche erano piccole, senza radici né foglie. Gli animali che si sarebbero nutriti di loro non esistevano ancora.

Struttura corporea

I funghi sono organismi unicellulari e pluricellulari. Degli organelli cellulari, i cloroplasti non sono presenti nel citoplasma, quindi non sono in grado di creare sostanze organiche. L'unità strutturale di base è la fibra fungina (ife), che può essere differenziata nel micelio e nel corpo fruttifero. A volte formano il cosiddetto tessuto falso, come il plectenchima e lo pseudoparenchima.

Ife

Il corpo del fungo non è diviso in singoli organi ed è quindi chiamato tallo. È composto da fibre fungine intrecciate (ife) che formano il sottobosco. In molti funghi, il corpo fruttifero cresce dal sottofungo. Il sistema simbionte può raggiungere dimensioni enormi. Il più grande fungo e forse il più grande organismo vivente del mondo è il punteruolo di abete rosso in decomposizione (Armillaria ostoyae syn. Armillaria solidipes). Si trova nelle montagne blu dell'Oregon e occupa quasi 965 ettari di terreno. La scoperta è stata fatta grazie agli sforzi per spiegare la massiccia morte di alberi nelle foreste statali dell'Oregon nel 1998. I campioni prelevati dagli alberi morti hanno mostrato non solo che erano stati infettati dal punteruolo dell'abete rosso, ma anche che erano funghi geneticamente identici dello stesso subfungo e quindi un intero organismo (raggruppamenti stretti di cellule geneticamente identiche che possono comunicare e avere un obiettivo comune). Non lo so