Enciclopedia

Article

July 3, 2022

L'enciclopedia (in greco ἐγκύκλιος enkyklios roundabout + παιδεία paideia education) è un'opera strutturata, solitamente voluminosa, che tenta di presentare in dettaglio la conoscenza umana riguardante una, più o tutte le discipline. Il termine greco έγκυκλοπαιδεἰα (enkyclopaideia) fu usato per la prima volta nel V secolo aC da Ippia di Elida, che li definì educazione generale.

Caratteristiche generali

Un'enciclopedia è un tipo specifico di dizionario, è un dizionario educativo e le sue voci (voci enciclopediche) possono quindi essere ordinate in modi diversi. Alcune enciclopedie sono quindi disposte in ordine alfabetico, altre tematicamente. Un capitolo a parte sono le enciclopedie elettroniche, per le quali la questione dell'ordinamento delle password spesso non ha nemmeno molto senso. A differenza del glossario, che fornisce una breve definizione di una parola chiave, l'enciclopedia cerca di avvicinare e approfondire l'argomento. Il testo enciclopedico può anche essere strutturato meglio e fornire al lettore informazioni sufficienti sull'argomento della parola chiave, integrato da illustrazioni, mappe, panoramiche, grafici, bibliografia, ecc. Di solito si riferisce anche a parole chiave correlate. Un'enciclopedia può essere definita utilizzando quattro proprietà di base: il suo soggetto, scopo, metodo o divisione e il processo di creazione. Oggetto: L'argomento di un'enciclopedia può essere generale. Questi contengono parole chiave di vari campi (dizionario didattico di Otto, Encyclopædia Britannica, ecc.), oppure possono essere specializzati in un determinato campo o gamma di parole chiave (es. dizionario filosofico, dizionario medico, ecc.), o in una determinata area geografica o culturale (es. Paese, religione, ecc.). Scopo: le opere enciclopediche mirano a portare importanti conoscenze raccolte da un determinato campo; in questo senso differiscono per dettaglio e portata. Lo scopo del lavoro può anche influenzare il pubblico di destinazione; le enciclopedie per bambini trattano l'argomento in modo diverso rispetto alle enciclopedie generali o ai dizionari professionali. Ordinamento: storicamente, ci sono due modi diversi per organizzare le enciclopedie stampate: l'ordinamento alfabetico e l'ordinamento tematico. Le moderne enciclopedie elettroniche di solito combinano entrambi i metodi, oltre a consentire ricerche rapide tramite indicizzazione e riferimenti incrociati. Metodo di creazione: le opere enciclopediche differiscono anche nella scelta dei loro autori e editori, nel metodo di raccolta, verifica e scrittura delle singole password. Gli autori dell'opera enciclopedica possono essere rinomati esperti nei campi dati, altre enciclopedie moderne sono create e verificate da una cerchia di autori molto più ampia. L'accesso molto aperto è praticato da enciclopedie aperte, tra cui in particolare Wikipedia.

Sviluppo di enciclopedie (esempi)

Contemporanei delle enciclopedie moderne

L'idea dell'enciclopedia è molto antica: viene dall'antica Grecia (la cosiddetta "educazione rotonda" - enkyklios paideia). I romani adottarono questo concetto pedagogico e gradualmente si cristallizzarono nelle arti liberali (septem artes liberales) nelle opere di vari pensatori (es. Varrone, Martianus Capella). Questo è stato rilevato dal Medioevo. Nell'alto medioevo l'enciclopedia più importante fu compilata da autore ignoto (probabilmente l'unico) nell'impero bizantino. Si chiamava Suda, ebbe origine nel X secolo, contava 30.000 documenti ed era un estratto della letteratura antica antica e dei dizionari più antichi. Tuttavia, Suda non ha svolto la sua funzione enciclopedica nella storia tanto quanto ha conservato frammenti di molte opere dell'antica Grecia, che sono andate poi completamente perse. In Occidente, importanti enciclopedisti furono Cassiodoro, Isidoro di Siviglia, Beda il Venerabile o Rabanus Maurus, nell'alto medioevo furono, ad esempio, Thierry di Chartres, Alexander Neckam o Vincent di Beauvais.

Enciclopedia francese e britannica

Nel Rinascimento e soprattutto nell'Illuminismo, il desiderio di descrivere è il migliore possibile