Alberto I. Belga

Article

July 1, 2022

Alberto I, nato Albert Leopold Clément Marie Meinrad (Bruxelles, 8 aprile 1875 – Marche-les-Dames, Belgio, 17 febbraio 1934) è stato il terzo re del Belgio. Nella sua terra natale, è principalmente ammirato per il suo coraggio nel difendere la neutralità belga durante la prima guerra mondiale. Tra i suoi hobby c'era l'alpinismo, che gli divenne fatale.

Vita

Dopo la morte del fratello maggiore Baldwin, morto senza figli nel 1891 all'età di 22 anni, Albert divenne il secondo in linea di successione al trono belga. Nel 1905, dopo la morte del padre Filippo, divenne conte delle Fiandre e contemporaneamente erede al trono belga. Nel 1909, dopo la morte dello zio e del re Leopoldo, divenne re dei belgi. All'inizio della prima guerra mondiale, l'impero tedesco decise di non riconoscere i trattati internazionali sulla neutralità del Belgio e di passarlo alla Francia. Tuttavia, Albert ribatté con l'affermazione "Il Belgio è una nazione, non una strada", che disse all'imperatore Guglielmo II. e si mise a capo dell'esercito belga. Perse gran parte del Belgio durante l'attacco tedesco, ma aiutò gli Alleati a prepararsi per l'invasione tedesca e fermarla sulla Marna. Partecipò alla guerra per quattro anni interi. Dapprima riuscì a difendere Anversa nel 1914, in seguito guidò l'esercito con maggior successo nella battaglia dell'Yser e alla fine della guerra riconquistò il Belgio. Più tardi, quando tornò a Bruxelles, fu accolto dal popolo come un eroe nazionale. Nella sua vita privata si comportava in modo molto progressista, si considerava solo un comune cittadino e quindi a volte usciva per le strade. I suoi hobby includevano varie discipline sportive, come l'equitazione e l'alpinismo. Non iniziò ad arrampicare in montagna fino all'età di trent'anni, ma era tanto più incline a farlo. Dopo la guerra, ha scalato diverse falesie impegnative in Svizzera e Tirolo. Solo in patria, nelle sue falesie preferite delle Marche les Dames, morì salendo al sito di La vieux bon Die (Il buon vecchio Dio) dove fu ritrovato il suo corpo senza vita. A causa dell'assenza di testimoni della tragedia, sono emerse diverse teorie sull'assassinio di re Alberto, ma ciò non sembra probabile.

Discendenti

Il 2 ottobre 1900 sposò a Monaco la principessa Elisabetta Gabriela di Baviera (1876–1965). Leopoldo III, Re del Belgio (1901 – 1983)∞ 1926 Principessa Astrid di Svezia ∞ 1941 Mary Lilian BaelsKarel (1903–1983), conte delle Fiandre e reggente del Belgio (1944–1950) Maria Josefa (1906 – 2001) ∞ 1930 poi re d'Italia Umberto II.

Titoli e lode

Titoli

8 aprile 1875 - 23 dicembre 1909: Sua Altezza Reale il Principe Alberto del Belgio, Principe di Sassonia-Coburgo e Gotha, Duca di Sassonia 23 dicembre 1909 - 17 febbraio 1934: Sua Maestà Leopoldo, Re dei Belgi, Sovrano del Congo

Derivazione ancestrale

Collegamenti

Riferimenti

Questo articolo utilizzava una traduzione del testo dell'articolo di Alberto I del Belgio su Wikipedia in inglese.

Letteratura

BUDINSKY, Libor. La tragedia dei famosi. Praga: Knižní klub, 2006. ISBN 80-242-1559-4. pagine 5–6.

Collegamenti esterni

Immagini, suoni o video su Alberto I del Belgio su Wikimedia Commons Galleria di Alberto I del Belgio su Wikimedia Commons Elenco delle opere nel Catalogo completo della Repubblica Ceca, il cui autore o soggetto è Alberto I. del Belgio