Bestie

Article

May 20, 2022

I carnivori sono un ordine di mammiferi placentari, i cui rappresentanti sono per lo più predatori che si nutrono della carne di altri vertebrati. Sebbene i carnivori siano adattati alla caccia e al consumo di carne, la loro dieta è spesso più varia e poche specie sono carnivore rigorose. Alcune specie si nutrono persino di erbivori. I carnivori, che ottengono la carne attraverso la caccia attiva, utilizzano una varietà di strategie di caccia e, a seconda della specie, uccidono un'ampia varietà di animali. Gli animali predatori contribuiscono all'equilibrio dinamico degli ecosistemi, aiutano a ridurre le prede (sia ungulati che roditori) e mantengono le popolazioni di prede più sane. L'ordine comprende più di 270 specie viventi, che rientrano in 16 famiglie. L'ordine dei carnivori è stato tradizionalmente suddiviso in due sottordini: carnivori terrestri (Fissipedia) e pinnipedi (Pinnipedia). Tuttavia, questo sistema si è rivelato innaturale, tanto che la sistematica moderna riconosce piuttosto la divisione dei carnivori nel sottordine Feliformia e Caniformia; In questo caso, i pinnipedi sono classificati come canini. All'interno del sistema più ampio, l'ordine delle bestie rientra nel più ampio clade di Carnivoramorph, che include i più antichi antenati conosciuti del gruppo di bestie della corona: viverravidi e miacidi. Questi due gruppi si diffusero nei continenti dell'emisfero settentrionale circa 60-50 milioni di anni fa, cioè durante il Paleocene e l'Eocene, e scomparvero nell'Eocene superiore circa 37-34 milioni di anni fa. Alla fine dell'Eocene, i primi resti di moderni carnivori iniziano ad apparire nei reperti fossili. I carnivori sono probabilmente l'ordine più diversificato tra i mammiferi. Il loro rappresentante più piccolo, la donnola (Mustela nivalis), pesa circa 50 g, mentre l'elefante marino (Mirounga leonina) pesa fino a 5.000 kg. Il cranio della bestia è caratterizzato da un cervelletto arrotondato ben sviluppato e da rigonfiamenti timpanici ossificati che circondano gli ossicini uditivi dell'orecchio medio. Le mascelle e i denti tendono ad adattarsi all'uccisione e al consumo di carne. La mascella inferiore si muove solo sul piano verticale, i canini sono adattati per uccidere la preda. Una caratteristica tipica della bestia è il complesso blockbuster, che consiste in un ultimo dente mandibolare modificato della mascella superiore e la prima sedia della mascella inferiore. Lui, come le forbici, aiuta a tagliare pezzi di carne da animali morti. Tutti i pesci pinna recenti hanno perso i loro successi. Lo scheletro postcranico della bestia è piuttosto generalizzato, anche se qui si possono osservare alcune caratteristiche comuni, come la fusione di alcune ossa del polso, avambraccio e stinco separati e clavicola mancante o solo residua. Il movimento è dito o piatto, gli arti sono dotati di artigli, in alcuni gruppi retrattili. Significativi cambiamenti anatomici possono essere osservati nei pinnipedi, adattati alla vita in acqua. I sensi della bestia sono molto ben sviluppati. Le bestie hanno abitato quasi tutto il mondo e si sono adattate praticamente a tutti gli habitat. In essi si possono osservare varie forme di struttura sociale. La maggior parte delle specie vive da sola, ma alcune possono formare gruppi sociali. Il sistema riproduttivo è prevalentemente poligino, dove i maschi si accoppiano con un numero maggiore di femmine, la monogamia è molto più rara. I cuccioli terrestri nascono ciechi e radi, ma alcuni pinnipedi producono cuccioli altamente precoci (sviluppati). Le capacità comunicative negli animali sono ben sviluppate ed è comune la comunicazione basata su stimoli olfattivi (urina, feci, secrezioni aromatiche). Nella cultura umana, le bestie hanno un duplice ruolo. Da un lato, appaiono come animali stimati, a volte sono stati addomesticati divinità, un cane o un gatto; dall'altro ci sono concorrenti umani. Le bestie sono state e sono perseguitate perché tendono ad uccidere le persone allevate