Cronologia dell'invasione russa dell'Ucraina (2022)

Article

May 25, 2022

Giovedì 24 febbraio 2022, la Russia ha lanciato un'invasione dell'Ucraina. Questa sequenza temporale fornisce una panoramica cronologica degli eventi durante il conflitto in corso.

Febbraio 2022

24 febbraio

Vladimir Putin ha detto in un discorso preregistrato poco prima delle quattro del mattino (CET) che la Russia aveva lanciato una "operazione militare speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina". Poco dopo il discorso, le truppe russe hanno attraversato il confine ucraino in diversi luoghi, compreso il territorio bielorusso e la penisola di Crimea. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha immediatamente dichiarato lo stato di guerra nel Paese. Il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba ha accusato Vladimir Putin di aver lanciato una "totale invasione" dell'Ucraina. Putin ha negato le accuse, ma ha esortato le truppe militari ucraine a ritirarsi in patria e a deporre le armi e gli altri stati a non intervenire. Altrimenti, ne sopporteranno le conseguenze. In mattinata il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha telefonato a Volodymyr Zelensky e ha invitato gli stati dell'Unione europea a condannare inequivocabilmente l'aggressione russa, che sta attaccando l'intero territorio dell'Ucraina. I principali attacchi poco dopo l'inizio dell'attacco alla città di Kharkov, dal territorio bielorusso alla regione di Chernihiv e dalla Crimea verso Kherson e il fiume Dnepr. Sono stati segnalati combattimenti anche dalle regioni di Sumy, Donetsk e Luhansk. Nella regione di Zhytomyr, le forze russe hanno attaccato il territorio bielorusso attraverso il valico di frontiera di Vilča. Durante i pesanti combattimenti, due carri armati russi e un corazzato per il trasporto di personale corazzato dovevano essere distrutti sulle strade di accesso alla città di Starobilsk. Sebbene fonti russe abbiano negato che l'esercito russo stia attaccando con sistemi missilistici, i filmati della CNN lo hanno condannato per aver mentito. Una trasmissione in diretta di una raffica è stata sparata dietro un giornalista vicino a Belgorod. La Russia ha attaccato obiettivi militari in tutta l'Ucraina (caserme, depositi di munizioni, quasi una dozzina di aeroporti) con missili balistici, missili flat track e raid aerei che hanno coinvolto circa 75 caccia. Le forze di terra hanno invaso l'Ucraina dalle cosiddette Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, dalla Bielorussia e dalla Crimea. Fonti statunitensi ritengono che lo scopo dell'invasione sia rovesciare il legittimo governo ucraino e stabilire una forma di governo conveniente per la Russia.L'Ucraina ha chiesto alla Turchia di negare alle navi da guerra russe il diritto del Bosforo e dei Dardanelli. Questo è considerato un crimine di guerra dal diritto internazionale. Intorno alle 12:45, il ministero dell'Interno ucraino ha annunciato che la Russia aveva preso il controllo dell'aeroporto internazionale di Hostomel alla periferia di Kiev, che durante il giorno ha occupato circa 200 paracadutisti russi. Il contrattacco è stato guidato dalla 4a Brigata della Guardia Rapida. Questi sono soldati addestrati secondo la NATO. Allo stesso tempo, tuttavia, l'esercito ucraino riprese il controllo delle città di Mariupol e Ščasťa. Il consigliere del capo dell'ufficio presidenziale, Mychaljo Podoljak, ha affermato che una squadra di sbarco russa nel distretto governativo di Kiev è stata minacciata per catturare la leadership del Paese. Combattimenti sono avvenuti anche nella centrale nucleare di Chernobyl. Si temeva che le discariche sicure per le scorie nucleari potessero essere interrotte. Verso le sei e mezza di sera, l'area della centrale è stata occupata. Alle 17:40 l'esercito russo ha occupato anche una centrale idroelettrica sul Dnepr, ha annunciato il ministro dell'Energia ucraino.Nel pomeriggio dalle zone colpite sono arrivate notizie non confermate sul numero delle vittime. Secondo varie fonti, almeno 35 ucraini, tra civili e bambini, sono morti nelle regioni di Odessa e Kherson.Intorno alle 17:40, il presidente Zelensky ha affermato che l'Ucraina