Nord Pas de Calais

Article

August 11, 2022

Il Nord-Pas-de-Calais (olandese: Noord-Nauw van Kales) è una delle 26 regioni della Francia. Il Nord-Pas-de-Calais è costituito dai dipartimenti del Nord e del Pas-de-Calais, nella parte settentrionale del paese, vicino al Belgio. È una delle più popolose per chilometro quadrato di tutta la Francia: qui vivono quattro milioni di persone, il 7% della popolazione totale della Francia. L'83% di questi si trova in comunità urbane abitate. La capitale amministrativa è la città di Lille. Altre grandi città includono Valenciennes, Lens, Douai, Béthune, Dunkerque, Maubeuge, Calais, Boulogne-sur-Mer e Arras.

Storia

Il Nord-Pas-de-Calais è stato abitato già in epoca preistorica. È uno dei luoghi più strategici della Francia e ha quindi subito molte polemiche internazionali. L'ex leader francese Charles de Gaulle (nato a Lille) ha affermato che la regione era una "strada mortale" attraverso la quale sono passati molti soldati in fuga. Fu sequestrato dai Belgi celtici, dai Romani, dai Franchi barbari e dagli Alamanni. Fu occupata da Inghilterra, Francia e Borgogna durante la Guerra dei Cent'anni prima di entrare a far parte del Regno di Francia nel XV secolo. Fu dato in dote ai Paesi Bassi spagnoli nel 1598. Nel XVII secolo fu restituita alla Francia nonostante l'opposizione degli abitanti locali, in maggioranza fiamminghi. Dopo la Rivoluzione francese fu divisa negli attuali due dipartimenti. Durante il XIX secolo la regione conobbe una rapida industrializzazione e divenne seconda solo all'Alsazia-Lorena per quanto riguarda l'industria. Il Nord-Pas-de-Calais non fu coinvolto nella guerra franco-prussiana del 1870; ha anche aiutato la regione, invece, perché anche la principale regione industriale, l'Alsazia-Lorena, è stata acquisita dalla Germania. Ma nelle due guerre mondiali l'area subì gravi devastazioni. Nella prima guerra mondiale quasi l'intera regione fu occupata dai tedeschi. Molte delle sue città e centinaia di miglia quadrate della sua terra furono distrutte durante la guerra di trincea durata quattro anni. All'epoca era la più trafficata delle regioni della Francia. Nella seconda guerra mondiale fu nuovamente occupata dai tedeschi e costituì la base della Luftwaffe e dei sistemi di proiettili (missili) V-1 e V-2 dell'attacco tedesco all'Inghilterra. Il bombardamento delle forze dell'Alleanza e la guerra sottostante distrussero ulteriormente le città della regione. Sebbene altre parti della regione fossero state liberate nel settembre 1944, Dunkerque rimase sotto il controllo tedesco fino al 9 maggio 1945. Fu l'ultima parte occupata della Francia. La turbolenta storia della zona può essere vista in molti memoriali e cimiteri per i soldati, come il Vimy Memorial, sul Vimy Slope, il memoriale più importante del Canada per i suoi soldati. Nel dopoguerra la regione subì una difficile congiuntura economica anche con scarsi alibi a causa dell'apertura dell'Eurotúnel (Tunnel del Canale) con il suo aumento del traffico.

Dati demografici

Anche se la maggioranza nella regione mantiene il francese, ci sono due società significative che mantengono una lingua minoritaria: I fiamminghi, la cui presenza è evidente in molti toponimi olandesi, e che conservano il dialetto fiammingo occidentale della lingua olandese. I Picard, che conservarono la lingua piccarda. La demografia dell'area fu influenzata anche dai lavoratori di altri paesi che gradualmente si stabilirono nella regione da altri paesi: i belgi prima del 1910, i polacchi e gli italiani nel 20 e 30 circa, e a nord Africani dal 1945. Lo stato francese ha cercato ancora una volta di sviluppare la cultura della zona; nel 2004 ha annunciato che la filiale del Louvre si sarebbe trovata nella città di Lens.

Economia

Il Nord-Pas-de-Calais divenne un centro importante