Tessuto connettivo

Article

January 31, 2023

Il tessuto connettivo o tessuto connettivo è quel tessuto la cui origine è il mesenchima embrionale e il cui scopo è quello di fungere da supporto e circondare gli altri tessuti del corpo, lo scambio di nutrienti, la difesa contro le infezioni e la regolazione del calore corporeo.

Tipo

Tessuto connettivo embrionale

Tessuto connettivo mucoso Cartilagine o cartilagine e tessuto cartilagineo (popolarmente chiamato tendrum) è una varietà di tessuto connettivo, costituito da cellule e matrice extracellulare. Le caratteristiche più essenziali di questa varietà sono una solida matrice extracellulare e cellule alloggiate nelle lagune. È un tessuto flessibile e ha una buona resistenza alla compressione. È avascolare e non ha innervazione. La sua funzione è quella di sostenere (come tessuto connettivo cioè), e di consentire un movimento quasi privo di attrito. Ha la sua origine nel mesenchima. Tessuto connettivo reticolare Una fibra reticolare, o reticolina, è un termine usato in istologia per descrivere un tipo di fibra strutturale composta da collagene di tipo III. Si tratta di piccole fibre sottili con un diametro da 30 a 40 nm che sono associate a formare reti. Queste reti fungono da tessuto di supporto. È un tipo di fibra nel tessuto connettivo Le fibre reticolari si intersecano per formare una rete sottile che è la reticolina. Questa rete funge da supporto nei tessuti molli come il fegato, e altri, e nei tessuti e negli organi del sistema linfatico. Tessuto connettivo mesenchimale Il mesenchima, o tessuto mesenchimale, è un tipo di tessuto connettivo lassista indifferenziato che deriva principalmente dal mesoderma, sebbene alcuni derivino da altri strati germinali; per esempio dalle cellule della cresta neurale e quindi originato dall'ectoderma. La maggior parte degli embriologi usa il termine mesenchima solo per quelle cellule mesenchimali che si sviluppano dal mesoderma. Il mesenchima è il tessuto biologico dell'embrione, di tessuto connettivo lasso con abbondante matrice extracellulare, composto da fibre sottili e relativamente poche cellule.

Tessuto connettivo proprio

Tessuto connettivo lassoIl tessuto connettivo lasso è una categoria di tessuto connettivo che comprende tessuto areolare, tessuto reticolare e tessuto adiposo. In altri casi, il "tessuto connettivo lasso" è considerato una categoria che include tessuto connettivo mucoso, tessuto connettivo reticolare e tessuto adiposo. È un tipo di tessuto molto abbondante nel corpo dei vertebrati, la cui origine deriva dal mesenchima. Le cellule del mesoderma sono pluripotenti e danno origine ad altri tipi di cellule, come il tessuto connettivo, il tessuto cartilagineo, il tessuto osseo e il tessuto cordale. Contengono una bassa percentuale di fibre (predomina la fibra di collagene), alcuni fibroblasti, macrofagi e una sostanza fondamentale della matrice extracellulare. Tessuto connettivo densoIl tessuto connettivo denso può adottare due tipi fondamentali di configurazioni:

Tessuto connettivo denso regolare

È il tipo di tessuto connettivo che forma i tendini, l'aponeurosi, i legamenti e in generale le strutture che ricevono trazione nella direzione in cui sono orientate le loro fibre di collagene. Queste fibre sono disposte in modo ordinato, parallele l'una all'altra, il che fornisce la massima resistenza. Nei tendini la conformazione delle fibre è parallela tra loro e ai fibroblasti (chiamati in questa struttura tendinociti) tra fibra e fibra. Il tendine presenta anche una fitta TC alla periferia dello stesso, che presenta fibre non così parallele, detta epitendon. Infine, attorno a ciascun fascio del tendine si osserva un tessuto chiamato endotendine. Nell'aponeurosi sono fibre di collagene parallele tra loro, ma disposte a strati e in una disposizione ortogonale, cioè uno strato posto a 90° sul