suffragio universale

Article

August 11, 2022

Il suffragio universale consiste nel dare il diritto di voto all'intera popolazione adulta di uno stato, indipendentemente dall'etnia, dal sesso, dalle convinzioni o dalla classe sociale. Il raggiungimento del suffragio universale è venuto da un'evoluzione della democrazia. Dopo la Rivoluzione francese, il potere politico iniziò ad essere nelle mani delle camere dei rappresentanti, quindi fu necessario regolamentare il sistema elettorale. Si iniziò così con il suffragio del censimento, in cui potevano votare solo uomini con determinati requisiti di istruzione, reddito e classe sociale; in seguito fu cambiato in suffragio maschile (seconda metà del XIX secolo), in cui potevano votare tutti gli uomini che sapevano leggere e scrivere. Fino al raggiungimento del suffragio femminile (primi del 20° secolo), l'inclusione degli analfabeti e di persone di tutte le etnie (seconda metà del 20° secolo).

Limitazioni al suffragio universale

Nonostante sia considerato una conquista della democrazia e una condizione essenziale in qualsiasi sistema politico moderno, nel corso della storia del XIX e XX secolo, e ancora oggi, il suffragio universale non è stato possibile a causa di varie realtà politiche, gruppi di pressione o regimi politici. Molti sistemi cosiddetti "universali" escludono costituzionalmente e legalmente potenziali elettori. Pertanto, i cittadini incarcerati e i malati di mente sono esclusi dalla popolazione votante, quindi seguono effettivamente il sistema del suffragio censuario. In passato numerose società hanno negato il diritto di voto anche per differenze di etnia o identità. Ad esempio, durante l'era dell'apartheid sudafricano, i gruppi etnici non bianchi non potevano votare. Lo stesso era vero nell'era pre-diritti civili negli Stati Uniti dove, sebbene gli afroamericani avessero tecnicamente il diritto di voto, l'esercizio veniva loro negato con intimidazioni o altri mezzi. Il Ku Klux Klan, formatosi dopo la guerra civile americana, è stata una delle organizzazioni che si sono distinte in questa repressione. Ci sono stati momenti in cui al personale militare è stato negato il diritto di voto. Questa privazione del diritto di voto imposta in alcuni Stati (ad esempio in Francia durante la Terza Repubblica) ha ragioni complesse. Da un lato si tratta di impedire la pressione degli ufficiali sui soldati, che distorcerebbe il voto (eventi non rari durante il Consolato o il II Impero in Francia e anche in alcune repubbliche sudamericane oggi). Si trattava, invece, di evitare l'intrusione della politica nell'esercito, in quanto lesiva della disciplina militare.

In Spagna

Nello stato spagnolo, dalla Costituzione di Cadice del 1812, il suffragio era basato sul censimento, limitato ai proprietari e alle persone con determinate "abilità". Nel breve periodo dei Sexenni Democratici e della Prima Repubblica (1868-1874) fu attuato per la prima volta il suffragio universale diretto per gli uomini di età superiore ai 25 anni. Il suffragio universale per gli uomini sotto i 25 anni non fu approvato fino al 1890, con il governo liberale di Sagasta. Nel 1931 la Seconda Repubblica conferì anche alle donne il diritto di voto, che fu applicato per la prima volta alle elezioni generali del 1933.

Cronologia del Suffragio Universale per Stati

Di seguito è riportato un elenco cronologico dei paesi e la data in cui sono riusciti ad attuare per la prima volta il suffragio universale:

Africa

Sud Africa - 1994 (elezioni sudafricane del 1994)

America

Argentina - 1947 (viene riconosciuto il diritto di voto alle donne). Cile - 1949 uomini e donne sopra i 21 anni (nel 1934 le donne avevano il voto alle elezioni comunali) 1970, sopra i 18 anni e analfabeti Canada - 1960 Colombia - 1956 Stati Uniti - 1965 Uruguay - 1932

Asia e Oceania

Australia - 1962 India -- 1950 (come parte della sua costituzione). Iraq - 2005 Israele-Palestina - 1948 Giappone - 1945 Malesia - 1955 Nuova Zelanda - 1893 Sri Lanka - 1931 Turchia - 1931