Pigmento

Article

February 5, 2023

Un pigmento è un materiale che cambia colore che riflette la luce come risultato dell'assorbimento selettivo del colore. Questo processo fisico è diverso dalla fluorescenza, dalla fosforescenza e da altre forme di luminescenza, in cui il materiale stesso emette luce. Molti materiali assorbono selettivamente determinate onde luminose, a seconda della loro lunghezza d'onda. I materiali che l'uomo ha scelto e prodotto per essere usati come pigmenti in generale hanno proprietà speciali che li rendono ideali per colorare altri materiali. Un pigmento deve avere un'elevata forza colorante rispetto ai materiali che colora. Inoltre deve essere stabile in forma solida a temperatura ambiente. I pigmenti sono usati per tingere vernice, inchiostro, plastica, tessuti, cosmetici, cibo e altri prodotti. La maggior parte dei pigmenti utilizzati nella produzione e nelle arti visive sono coloranti secchi, solitamente sotto forma di polvere fine. Questa polvere viene aggiunta a un veicolo o matrice, un materiale relativamente neutro o incolore che funge da legante. Per le applicazioni industriali e artistiche, la permanenza e la stabilità sono proprietà desiderate. I pigmenti non permanenti sono chiamati fuggitivi. I pigmenti fuggitivi sbiadiscono nel tempo o con l'esposizione alla luce, mentre altri alla fine diventano neri. Viene generalmente fatta una distinzione tra un pigmento, che è insolubile nel veicolo (formando una sospensione), e un colorante, che è un liquido o solubile nel veicolo (che forma una soluzione). Un colorante può essere un pigmento o un colorante a seconda del veicolo in cui viene utilizzato. Anche se a volte la distinzione tra loro è confusa. Una lacca è un pigmento ottenuto precipitando o fissando un colorante su una base inerte, quando il pigmento puro non ha corpo o ha un potere macchiante eccessivo (solitamente pigmenti organici).

Gruppi di pigmenti

A seconda della composizione

Pigmenti di arsenico: verde di Parigi Pigmenti di carbonio: nerofumo, nero avorio, nero vite, nerofumo Pigmenti di cadmio: verde cadmio, rosso cadmio, giallo cadmio, arancio cadmio Pigmenti all'ossido di ferro: Caput Mortuum, ossido rosso, ocra rossa, rosso veneziano Pigmenti di cromo: ossido di cromo verde, giallo di cromo Pigmenti di cobalto: blu cobalto, blu ceruleo, viola cobalto, giallo cobalto Pigmenti di piombo: bianco di piombo, giallo di Napoli, albai, tetraossido di piombo Pigmenti di rame: verde di Parigi, blu egiziano Pigmenti di titanio: bianco titanio, giallo titanio, nero titanio Pigmenti al mercurio: rossastri Pigmenti di zinco: bianco di zinco Pigmenti argillosi: terra di Siena naturale, terra di Siena tostata, tonalità naturale, tonalità tostata, ocra Pigmenti biologici: alitzarin, alitzarí cremisi, indaco, cocciniglia, viola canina, ftalocianina

A seconda della fonte

Nella produzione e nell'uso delle vernici, i pigmenti sono generalmente classificati in base alla loro origine, poiché in base a ciò di solito hanno un comportamento comune. Ad esempio, quelli provenienti da terreni naturali di solito hanno un'ottima resistenza alla luce, a differenza di quelli di origine animale. Inorganico Terre naturali Suoli naturali calcinati Colori minerali di preparazioni artificialiOrganici Verdure Animali Pigmenti organici sintetici

Pigmenti per pittura

Quando parliamo di vernice, chiamiamo pigmento qualsiasi sostanza che dia colore a un altro materiale quando viene miscelata o applicata in uno strato superficiale sottile. I pigmenti non si dissolvono mai nel mezzo liquido in cui sono mescolati, la vernice. Se fossero desolati non parleremmo di pittura e pigmento, ma di colorante o tintura. Tutti i tipi di pittura (olio, acquarello, ...) utilizzano gli stessi pigmenti, cambiano solo il mezzo -materiale- dove viene miscelato il colore e come applicarlo (pennello, pennello, spatola, aerografo, ...). Alcuni pigmenti possono essere più adatti miscelati in un mezzo piuttosto che in un altro, ad esempio alcuni pigmenti opachi miscelati con acqua.