Microscopio elettronico

Article

January 30, 2023

Il microscopio elettronico è un dispositivo che consente l'osservazione della materia a livelli molto più piccoli rispetto alla microscopia ottica. Si differenzia dai microscopi ottici in quanto utilizzano elettroni invece di fotoni. Nel caso di particelle con doppio comportamento, che agiscono sia come particella che come onda, agiscono come un'onda elettromagnetica con una lunghezza d'onda molto più corta dei fotoni, il che consente una risoluzione dell'immagine più elevata. Il flusso primario di elettroni può essere controllato con l'uso di lenti elettromagnetiche, che sono poste sul barilotto. Ernst Ruska fu il primo a costruire un microscopio elettronico nel 1931 e il primo microscopio elettronico commerciale fu immesso sul mercato da Siemens negli anni '30.

Nozioni di base

La microscopia elettronica si basa sulla creazione di un flusso di elettroni, che vengono accelerati e incanalati in un flusso. Quando influiscono sul campione, vengono riflesse e diffratte a seconda della composizione della materia su cui influiscono. Di conseguenza, vengono generati elettroni secondari, che danno origine alle immagini osservate.

Tipi di microscopi elettronici

A seconda del tipo di comportamento degli elettroni secondari, possono essere classificati in: microscopi elettronici a trasmissione (TEM) e microscopi elettronici a scansione (SEM).Nei microscopi elettronici a trasmissione. , gli elettroni secondari si originano per deflessione o spostamento di elettroni dall'attraversato campione, che è stato precedentemente fissato e colorato con materiali elettrodensi. La piastra in cui gli elettroni secondari incidono e generano l'immagine ottica si trova al di sotto del campione. Nei microscopi elettronici a scansione, gli elettroni secondari sono generati dallo spostamento degli elettroni dalla superficie del campione. I ricevitori si trovano alla base della canna sopra il palco. L'immagine generata è tridimensionale, come una fotografia, e diversi aspetti del campione possono essere osservati in base all'orientamento dato alla lastra, al contrario del TEM, in cui i campioni sono sempre sottili fogli di materiale. In quest'ultimo caso, possono lavorare su ingrandimenti simili alla microscopia ottica, ma eliminando gli effetti di diffrazione causati dai fotoni.

Riferimenti

Collegamenti esterni

Microscopio elettronico, 26-06-2011. [Accesso: 21 maggio 2013]. "Nanoedro". [Accesso: 4 novembre 2013]. «Sito web dedicato alle immagini di microscopia elettronica e altre immagini di piccoli oggetti» Krumeich, F. "The Electron Microscopy Site" (in inglese). Eidgenössische Technische Hochschule Zürich, 8 novembre 2012 (ultima modifica). [Accesso: 25 marzo 2014]. http://www.rms.org.uk/em.shtml Archiviato il 19-07-2008 su Wayback Machine. http://www.danilatos.com http://www.microanalyst.net/index_e.phtml http://www.physics.utoronto.ca/overview/history/microsco http://americanhistory.si.edu/archives/d8452.htm