Luna

Article

January 30, 2023

La Luna è l'unico satellite naturale della Terra. Sebbene non sia il satellite più grande del sistema solare, è il più grande in proporzione alle dimensioni del corpo orbitante (il suo primario) e, dopo il satellite di Giove Io, è il secondo più grande dei satelliti di cui si conosce la densità. La Luna è in rotazione sincrona con la Terra: mostra sempre la stessa faccia, con la faccia visibile segnata dagli scuri mari vulcanici che riempiono le valli tra i luminosi altipiani della crosta e i prominenti crateri da impatto. È l'oggetto più luminoso del cielo dopo il Sole. Sebbene appaia come un corpo di un bianco molto brillante, la sua superficie è scura e di una riflettanza solo leggermente superiore a quella dell'asfalto. Il suo rilievo nel cielo e il suo ciclo regolare di fasi ne hanno fatto, fin dall'antichità, un'importante influenza culturale sulla lingua, sul calendario, sull'arte e sulla mitologia. L'influenza gravitazionale della Luna produce le maree oceaniche e il piccolo allungamento della giornata. La distanza orbitale del satellite è attualmente circa trenta volte il diametro della Terra, il che gli conferisce una dimensione apparente nel cielo circa uguale a quella del Sole; questo fatto gli consente di coprire il Sole in modo quasi completamente accurato durante un'eclissi solare. La distanza lineare dalla Terra alla Luna aumenta ad una velocità di 3,82 ± 0,07 cm all'anno. Si ritiene che la Luna si sia formata circa 4,5 miliardi di anni fa, non molto più tardi della Terra. Sebbene siano state proposte molte ipotesi sulla sua origine, la teoria più ampiamente accettata oggi è che la Luna sia il prodotto dei resti di un gigantesco impatto tra la Terra e un corpo delle dimensioni di Marte. La Luna è l'unico corpo celeste, a parte la Terra, che l'uomo abbia mai calpestato. Il Programma Luna dell'Unione Sovietica è stato il primo a raggiungere la Luna con un veicolo spaziale senza equipaggio nel 1959. D'altra parte, il Programma Apollo della NASA negli Stati Uniti è stato l'unico a poter svolgere missioni con equipaggio, a partire dall'Apollo 8 nel 1968 e proseguendo con sei atterraggi con equipaggio tra il 1969 e il 1972, il primo dei quali è stato Apollo 11. Queste missioni sono tornate con più di 380 kg di rocce lunari, che sono state utilizzate per comprendere meglio l'origine del satellite, la formazione della sua struttura interna e la sua storia successiva. Dopo la missione Apollo 17 del 1972, la Luna è stata visitata solo da veicoli spaziali senza equipaggio, la maggior parte dei quali sono stati missioni orbitali. Dal 2004 Giappone, Cina, India, Stati Uniti e l'Agenzia spaziale europea hanno inviato nell'orbita lunare veicoli spaziali che hanno contribuito a confermare la scoperta di ghiaccio lunare in crateri permanentemente all'ombra dei poli, e anche confinati all'interno della regolite lunare. L'era post-Apollo ha visto anche due missioni astromobile: l'ultima missione sovietica Lunokhod del 1973 e la missione cinese Chang'e 3, che dispiegò la sua astromobile Yutu il 14 dicembre 2013. Sono state pianificate future missioni con equipaggio sulla Luna, finanziate sia da fondi governativi che privati. La Luna rimane, grazie alla protezione del trattato sullo spazio esterno, un luogo libero di esplorazione per tutte le nazioni per scopi pacifici.

Etimologia

In catalano, il nome proprio del satellite naturale della Terra è "la Luna". Il nome "Luna" deriva dal latino "lūna", che ha la radice "* luc-" da "lucēre", "splendere". Allo stesso tempo, "luna" è una contrazione di "Lucina" che significa "splendere" o "illuminare". Gli aggettivi per designare l'appartenenza alla Luna sono "lunare" (dal latino "lunaris") e "selenico" (dal greco antico "Σελήνη", "selḗnē", "Luna"). Il gentilicio della Luna è “selenite”. La luna

Allenamento

Sono stati proposti molti meccanismi attraverso i quali si potrebbe avere