Lista Rossa IUCN

Article

August 17, 2022

La Lista Rossa IUCN delle Specie Minacciate (Lista Rossa IUCN delle Specie Minacciate), creata nel 1964, è l'elenco più completo dello stato IUCN per la conservazione globale delle specie animali e vegetali. L'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) è la principale autorità mondiale sullo stato di conservazione delle specie e, secondo il suo direttore generale, Julia Marton-Lefèvre, è lo standard globale più apprezzato per la conservazione delle informazioni sulle azioni di conservazione. si basa su precisi criteri di valutazione del rischio di estinzione di migliaia di specie e sottospecie: criteri che si applicano a tutte le specie in tutte le parti del mondo, con l'obiettivo di informare i legislatori e il pubblico in generale sull'importanza delle questioni di conservazione e aiutare la comunità internazionale per cercare di frenare l'estinzione delle specie. Alcuni dei principali consulenti per le specie sono BirdLife International, l'Institute of Zoology (la divisione di ricerca della London Zoological Society), il World Conservation Monitoring Center e molti gruppi specializzati all'interno della IUCN Species Survival Commission (SSC). Complessivamente, le valutazioni di queste organizzazioni e gruppi rappresentano quasi la metà delle specie nella Lista Rossa. La Lista Rossa è ampiamente riconosciuta come il sistema più oggettivo e affidabile per classificare le specie in termini di rischio di estinzione.L'obiettivo della IUCN è quello di valutare tutte le specie ogni cinque anni, se possibile, o almeno ogni dieci anni. Tuttavia, ci sono più di 7.000 specie nella Lista Rossa del 2006, la cui situazione non è stata valutata dal 1996. Ogni anno, un piccolo numero di specie "estinte" - che diventano Lazarus taxa - possono essere riscoperte, o riclassificate come "con dati insufficienti". Nel 2002, l'elenco delle estinzioni è sceso a 759 specie, ma da allora è aumentato.

Storia

1964 Lista Rossa delle Piante Minacciate

La Lista rossa delle piante minacciate IUCN del 1964 utilizzava il sistema di valutazione della lista rossa dei criteri precedenti. Le piante elencate potrebbero non essere nell'attuale lista rossa. La IUCN consiglia di consultare sia la lista rossa online che la pubblicazione della Lista rossa delle piante del 1997.

Edizione 2006

La Lista Rossa del 2006, pubblicata il 4 maggio 2006, ha valutato 40.168 specie più 2.160 sottospecie, varietà, popolazioni acquatiche e sottopopolazioni. Di tutti loro, 16.116 sono stati considerati minacciati; di questi, 7.723 erano animali, 8.390 erano piante e 3 erano licheni e funghi. Questa edizione comprendeva 784 estinzioni registrate dal 1500, cifra che non era cambiata dall'edizione 2004 e che rappresentava un aumento di 18 specie rispetto alle 766 elencate nell'edizione 2000.

Edizione 2007

Il 12 settembre 2007, l'IUCN ha pubblicato l'edizione 2007 della Lista Rossa, un nuovo aggiornamento del suo database online sul rischio di estinzione delle specie. Questa edizione, che ha valutato 41.415 specie, ne ha descritte 16.306 come in via di estinzione (190 in più rispetto al 2006): 7.850 animali, 8.447 piante e 9 licheni, funghi e alghe. C'erano 785 specie estinte (698 animali e 87 piante) e altre 65 (38 animali e 27 piante) che non erano più in natura.

Edizione 2008

L'edizione 2008 è stata pubblicata il 6 ottobre 2008 al World Conservation Congress della IUCN a Barcellona. In questa edizione, la più ampia fino ad oggi, e che racchiude i risultati del Global Mammal Assessment sui mammiferi, è stata confermata una crisi di estinzione di questi animali, in quanto è stato stimato che almeno un 20% delle spec