Jean-Louis Trintignant

Article

June 28, 2022

Jean-Louis Trintignant (Puegoulen, 11 dicembre 1930 – Colhaç, 17 giugno 2022) è stato un attore e regista francese.

Biografia

Ha trascorso la sua infanzia nel sud della Francia (Aix-en-Provence, Nimes e Pont-Saint-Esprit). Nel 1950 si recò a Parigi con l'idea di recitare in teatro e seguì i corsi di Charles Dullin e Tania Balachova. Nel 1951 fece il suo debutto teatrale diventando uno degli attori francesi più dotati del secondo dopoguerra. Dopo aver viaggiato durante i primi anni '50 in numerose produzioni teatrali, la sua prima apparizione cinematografica arrivò nel 1955 e l'anno successivo quando divenne famoso per la sua interpretazione con Brigitte Bardot nel film And God Created Woman di Roger Vadim. Di famiglia benestante, era il nipote di un pilota di auto da corsa, Louis Trintignant, che si uccise nel 1933 mentre si esercitava su un circuito della Piccardia. L'altro suo zio Maurice Trintignant (nato nel 1917), era un pilota automobilistico che vinse due volte il Gran Premio di Monaco e la 24 Ore di Le Mans. Essendo cresciuto intorno alle corse automobilistiche, Jean-Louis Trintignant è stata la scelta naturale del regista Claude Lelouch per il ruolo di un pilota di auto da corsa nel film del 1966, Un homme et une femme, un successo mondiale che lo ha reso una star internazionale. Il lavoro di Trintignant fu interrotto per diversi anni dal servizio militare obbligatorio. Dopo averlo incontrato ad Algeri, tornò a Parigi e riprese una carriera di grande successo. Documenti in classici del cinema come Compartiment tueurs, Un homme et une femme (il film francese di maggior successo dell'epoca), il film di Bertolucci Il Conformista e il thriller politico del 1969 Z, in cui interpretava un giovane avvocato idealista, e vinse il Premio Maschile Premio per la performance al Festival Internazionale del Cinema di Cannes 1969. In Italia ha lavorato con Valerio Zurlini in Estate violenta e Il deserto dei Tartari, con Ettore Scola in La terrazza ma soprattutto nel film cult Il sorpasso di Dino Risi. La sua prima moglie è stata l'attrice Stéphane Audran. Anche la sua seconda moglie, Nadine Marquand, era attrice, sceneggiatrice e regista. Ebbero tre figli: Vincent Trintignant, Pauline (morta nel 1966) e Marie Trintignant (21 gennaio 1962 - 1 agosto 2003), che all'età di 17 anni recitò ne La terrazza con il padre e divenne un'attrice di grande successo. Negli anni '70 Trintignant ha recitato in numerosi film e nel 1983 ha realizzato il suo primo lungometraggio in inglese, Under Fire. Ha poi recitato nel film di François Truffaut Vivement dimanche!. Tra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90, Trintignant ha lavorato poco a causa di problemi di salute (derivanti da un incidente d'auto) e una crescente mancanza di interesse per il cinema. Il suo ruolo nel 1994 nell'ultimo film di Krzysztof Kieślowski, Three Colors: Red ha segnato un'apparizione rara, sebbene sia stato nominato come miglior attore ai Caesar Awards. L'anno successivo ha ricevuto un'altra nomination ai Fiesta e ha dato la sua voce all'acclamato The City of Lost Children, e da allora ha girato solo occasionalmente film.

Filmografia

Direttore

1972: Una giornata intensa con Jacques Dufilho, Luce Marquand 1978: Il maestro nuotatore

Attore

dal 1955 al 1959

1955: Se tutti i ragazzi del mondo di Christian-Jaque 1955: La legge delle strade di Ralph Habib 1956: E Dio... creò la moglie di Roger Vadim 1957: Club femminile Ralph Habib 1959: Fu violento (Estate violenta) di Valerio Zurlini 1959: Le relazioni pericolose di Roger Vadim 1959: Austerlitz di Abel Gance

dal 1960 al 1969

1960: Il cuore pulsante di Jacques Doniol-Valcroze 1960: Le mille finestre di Robert Menegoz 1960: Le Puits aux trois vérités de F