Ignazio di Loyola

Article

January 29, 2023

Ignazio di Loyola (nato Iñigo Lopez de Oñaz y Loyola; basco: Ignazio Loyola; spagnolo: Ignacio de Loyola; latino: Ignazio di Loyola; c. 23 ottobre 1491 - 31 luglio 1556), venerato come Sant'Ignazio di Loyola; Loyola, era un sacerdote e teologo cattolico basco che, insieme a Pierre Favre e Francesc Xavier, fondò l'ordine religioso chiamato Compagnia di Gesù (Gesuiti) e ne divenne il primo superiore generale a Parigi nel 1541. L'ordine dei Gesuiti è impegnato nell'insegnamento e nel lavoro missionario. I suoi membri sono obbligati da un (quarto) voto speciale di obbedienza al sommo pontefice a essere pronti a compiere speciali missioni papali. La società ha svolto un ruolo importante durante la Controriforma.Ignazio è stato notato come un ispirato direttore spirituale. Ha registrato il suo metodo in un famoso trattato chiamato Esercizi spirituali, un semplice insieme di meditazioni, preghiere e altri esercizi mentali, pubblicato per la prima volta nel 1548. È noto come "spiritualità ignaziana". Ignazio fu beatificato nel 1609 e canonizzato, ricevendo il titolo di santo il 12 marzo 1622. La sua festa si celebra il 31 luglio. È il padrone di casa delle province basche di Guip'uzcoa e Biscaglia, nonché della Compagnia di Gesù. Papa Pio XI lo dichiarò patrono di tutti i ritiri spirituali nel 1922. Ignazio è anche il principale patrono dei soldati.

Primi anni

Íñigo López de Loyola (più completamente, da Oñaz y Loyola; talvolta erroneamente chiamato Recalde) nacque nel comune di Azpeitia nel castello di Loiola, nell'attuale Gipuzkoa. Era il più giovane di tredici figli. I loro genitori si chiamavano Don Beltrán e Do6na Marina. Sua madre morì poco dopo la sua nascita, e fu affidata a Maria de Garín, la moglie del fabbro locale, che lo allevò. ñigo fu battezzato, derivato da San Enec (Innicus) (basco: Eneko spagnolo: Íñigo), abate di Oña, e un affettuoso diminutivo basco medievale che significa "piccolo mio". Non è chiaro quando iniziò a usare il nome latino "Ignasi" invece del suo nome di battesimo "Íñigo". di sua proprietà, da utilizzare in Francia e in Italia perché, come disse lui stesso, “per essere più comune nelle altre nazioni” o “per essere più universale.” dove si capiva meglio adottare il cognome “de Loyola” in riferimento al villaggio basco di Loiola dove nacque.

Carriera militare

Da bambino Íñigo divenne paggio al servizio di un parente, Velázquez de Cuéllar, tesoriere (contabile senior) del regno di Castiglia.Da giovane Íñigo si interessò alle esercitazioni militari e il desiderio di fama lo portò. Ha incorniciato la sua vita attorno alle storie di El Cid, i Cavalieri di Camelot e la Canzone di Roland. Si arruolò nell'esercito all'età di diciassette anni e, secondo un biografo, si allungò "con il mantello aperto per rivelare le calze e gli stivali stretti; una spada e un pugnale alla vita". Secondo un altro, era "ben vestito, un ballerino esperto, un fan delle donne, sensibile agli insulti e uno spadaccino commovente che ha usato il suo status privilegiato per sfuggire al processo per crimini violenti commessi con suo fratello prete in tempo. carnevale "In 1509, all'età di 18 anni, Íñigo prese le armi per Antonio Manrique de Lara, II duca di Nájera. Le sue qualità di diplomazia e di leadership gli valsero il titolo di "gentiluomo" e lo resero molto utile al duca. Sotto la direzione del Duca, Íñigo partecipò a molte battaglie senza ferite. Tuttavia, nella battaglia di Pamplona del 20 maggio 1521, fu gravemente ferito quando una spedizione franco-navarrese prese d'assalto la fortezza di Pamplona e una palla di cannone che rimbalzò contro un muro vicino, gli ruppe la gamba destra. Íñigo è stato restituito al castello di suo padre in Spagna