Rana

Article

June 29, 2022

Rana (o rana, rana e, arcaicamente e dialettalmente rana) è il nome largamente usato per designare vari anfibi dell'ordine Anuri. In particolare, si riferisce a tutti i membri di questo ordine che non hanno la pelle ruvida sulla schiena, poiché questi sono spesso chiamati rospi. Questi anfibi di solito vivono in luoghi d'acqua dolce come stagni e fiumi. Più del 90% delle specie di rane appartiene alla famiglia dei Ranidae. Alcune specie, come la rana verde (Pelophylax perezi), la rana comune (Pelophylax ridibundus) e la rana rossa (Rana temporaria), sono comuni in Catalogna e nelle Isole Baleari. La rana rossa è in realtà marrone rosata, la rana saltatrice (Rana dalmantina), che abita alcune parti d'Europa, è rossa.

Descrizione

Le rane hanno una morfologia piuttosto peculiare perché la testa e il torace formano un'unità indifferenziata. Con la testa larga quanto lunga, gli occhi sporgono lontano, con la pupilla eretta, la lingua protrattile e la mascella superiore provvista di denti. In Europa sono generalmente lunghe tra 9 cm e 15 cm, ma la più grande del mondo, che abita l'Africa, è lunga 33 cm e pesa 2 kg (rana golia o Conraua golia). Il tronco è ovale, con zampe anteriori corte e arti posteriori lunghi, con dita unite da una membrana. La buccia è liscia e di colore variabile uniforme (verdastro, terroso, nerastro, marrone) o con macchie, mentre il vertebrato più piccolo del mondo è la specie di rana della Nuova Guinea Paedophryne amauensis, scoperta nel 2009. Il maschio ha due sacche vocali che producono la caratteristica raucedine. La sua comunicazione avviene attraverso i suoni vocali prodotti dalla laringe. Di solito hanno grida gravi e rauche. L'onomatopea di questo suono in catalano è: «roc-roc», e si dice che «rauquen». La rana abita acque ferme, come stagni, stagni o pozzi, ed anche in torrenti e torrenti con abbondante vegetazione. La riproduzione avviene durante la primavera, quando ogni femmina depone dalle cinque alle diecimila uova circondate da una massa gelatinosa, che per quattro mesi si trasformano e diventano girini e adulti. Seguono la riproduzione comune a tutti gli anfibi, per mezzo di uova prive di guscio che necessitano di un'umidità costante. In età adulta non hanno coda, hanno la respirazione doppia, polmonare e cutanea, e hanno quattro zampe a differenza degli stadi precedenti della specie, come il girino. In inverno restano sospese nel fango e rimangono dormienti.La rana ha un genoma composto da 1,7 miliardi di basi chimiche distribuite su 10 cromosomi e 1.700 geni.

Rane private

C'è una rana pelosa (Trichobatrachus robustus), che ha lunghi peli che penetrano nei capillari e si pensa svolga un ruolo respiratorio. In Cile esiste la cosiddetta rana marsupiale (Rhinoderma darwini). Questa rana, lunga solo tre centimetri, riesce a saltare più di mezzo metro. Inoltre, è anche uno scalatore. In Cina, Indocina, Filippine e Isole della Sonda è presente la cosiddetta rana volante (Racophorus sp), che è lunga circa otto centimetri ed è caratterizzata principalmente dall'avere una piega cutanea che va dall'angolo posteriore. occhio alla schiena, che può assomigliare a un mantello o mantello o ali. In Thailandia, nella valle del fiume Mekong, c'è una rana dagli occhi lunghi (Limnonectes megastomias), con lunghe zanne, che, oltre agli insetti, si nutre di uccelli. In Indonesia c'è una rana con il naso appuntito e retrattile, che si alza al richiamo del maschio e si sgonfia e punta verso il basso quando è meno attivo. Alcune rane americane contengono veleno e in Costa Rica ed Ecuador ci sono specie che non lo hanno, ma copiano (imitano) l'aspetto dei veleni per proteggersi da potenziali predatori.

Evoluzione

Le strutture dei segmenti genici