Falò di Sant Joan

Article

June 29, 2022

I Falò di Sant Joan sono la festa principale di Alicante, dichiarata ufficialmente di Interesse Turistico Internazionale dal 1984. Le sue origini sono molto remote, in quanto deriva dall'usanza di bruciare oggetti danzanti attorno a un falò con l'arrivo del solstizio d'estate, come è comune in tutte le celebrazioni della vigilia di San Giovanni.

Storia

La prima testimonianza documentaria della sua esistenza risale al 1822 quando il sindaco della città vietò di accendere falò nelle strade con una multa da 20 a 100 reais, mentre nel 1881 apparvero i primi falò con figure grottesche. Queste feste, organizzate con le loro peculiarità attuali, risalgono al 1928, e furono promosse da José María Py, basato sulle Fallas de Valencia, a cui aveva precedentemente partecipato. Nel 1929 fu presentato in anteprima il pasodoble "Les Fogueres de Sant Chuan", che sarebbe poi diventato l'inno ufficiale dei Falò di Alicante. Produrre quel giorno ma il giorno di San Pietro (29 giugno) per evitare che la settimana dei festeggiamenti coincidesse con la festa di Corpo di Cristo.

I festeggiamenti

Con la proclamazione iniziano i festeggiamenti, vengono piantati i falò, monumenti artistici policromi di cartone, pietra e legno con una profonda carica satirica, nella notte del 20 giugno, e vengono bruciati dopo quattro giorni dopo essere stati lanciati dal Puig del Benacantil una palma monumentale di fuochi d'artificio che è visibile da gran parte della città e dalla maggior parte della Costa Blanca. Nonostante le origini ispirate alle Fallas de Valencia, i Falò avranno la loro evoluzione estetica parallela all'aspetto estetico di Alicante.Durante le feste c'è un vasto programma di eventi come sfilate, cavalcate, offerte, corride, spettacoli musicali, campionati sportivi, tra gli altri che raccolgono più di un milione di visitatori. La festa si svolge in strada, dove si possono visitare i falò più importanti e anche mangiare, cenare e ballare nelle capanne e negli angoli dove si può anche degustare la tipica torta di tonno e le bacore. La festa ha la sua festa principale, la Bellea del Foc, vestita con il tipico abito da sposa di Alicante, e scelta tra coloro che erano 'Bellesi' di ciascuno dei 90 quartieri della città che è la rappresentazione vivente della festa. Nei giorni successivi all'incendio degli oltre 180 falò, si tengono uno spettacolo pirotecnico e fuochi d'artificio leggeri, sparati dalla spiaggia di Postiguet. Attualmente, oltre alla città di Alicante, i falò di Sant Joan sono celebrati con monumenti artistici policromi di cartone, pietra e legno e con un profondo carico satirico come si fa ad Alicante, in altre città del sud del Paese di Valencia, come come Torrevieja, Guardamar del Segura, Xàbia, Sant Joan d'Alacant, Sant Vicent del Raspeig, Denia, Benidorm, Calpe e il Raval de Sant Joan d'Elx.

Riferimenti

Vedi anche

Bella del Foc Inno dei Falò di Alicante Fallimenti Festa della Maddalena

Collegamenti esterni

Pagina dei falò di Alicante Archiviato il 25-06-2007 in Wayback Machine.