Dimissioni

Article

June 29, 2022

Dimettersi o dimettersi, in inglese: dimissioni e dimissioni, è dimettersi da una posizione etimologicamente questo termine deriva dal latino dimĭttĕre, che significa "lasciare", "congedare", "consegnare".

Concetti

Le dimissioni sono un concetto che si riferisce alle dimissioni volontarie o all'abbandono di un lavoro, una posizione, una commissione, ecc. Le dimissioni possono verificarsi quando una persona che ricopre una posizione conquistata per elezione o nomina la lascia, ma si ritiene che lasciare una posizione entro la scadenza del tempo non costituisca dimissioni. L'abdicazione è l'equivalente delle dimissioni di un monarca regnante o di altre forme di governo non elette. Quando una persona si dimette sta concretizzando un atto unilaterale: chi ricopre la carica, decide di dimettersi. In questo modo le dimissioni si differenziano dal licenziamento, dove un'autorità o un superiore gerarchico obbligano la persona a lasciare il proprio incarico. Tuttavia, vengono presentate dimissioni non unilaterali ma consensuali. Ad esempio, il direttore tecnico di una squadra sportiva può incontrare i dirigenti del suo club dopo aver subito una serie di sconfitte e convincerlo a dimettersi. Ci sono anche casi in cui le dimissioni sono richieste da un'autorità, il che lo fa sembrare un licenziamento ma ha conseguenze legali diverse (al momento delle dimissioni, una persona non riceve un risarcimento). Il presidente di uno stato può non essere soddisfatto dell'operato di uno dei suoi ministri e in questa situazione il presidente chiede le dimissioni dei ministri. Nel caso del presidente degli Stati Uniti Richard Nixon si è dimesso dall'incarico a causa dello scandalo Watergate quando era quasi certo che sarebbe stato soggetto alla procedura di impeachment da parte del Congresso degli Stati Uniti.

Riferimenti