Cnidaria

Article

January 31, 2023

Gli cnidari (Cnidaria, dal greco knide, "ortica" e dal latino -arium, suffisso che indica appartenenza) sono un ramo che raggruppa più di 12.000 specie attuali di animali relativamente semplici, che vivono esclusivamente in ambienti acquatici, per lo più marini. In genere hanno due forme di vita, il polipo, che è a forma di sacca e attaccato al substrato, e la medusa, che è a forma di campana e nuota liberamente. Hanno tentacoli urticanti intorno alla bocca. Include animali famosi come coralli, anemoni di mare e meduse.

Descrizione

Il nome di questo ramo deriva dalla presenza di cellule dette cnidociti, presenti nei tentacoli di tutti i membri del gruppo e che sfregando le prede iniettano sostanze irritanti. Hanno simmetria radiale e il loro piano corporeo ha la forma di un sacco con tentacoli. Sono gli animali più semplici che possiedono cellule nervose e organi di senso (statocisti, ocelli). Sono un gruppo antico, con una lunga storia fossile che risale probabilmente alla fauna di Ediacara, circa 600 milioni di anni fa. Gli cnidari includono coralli marini e anemoni, meduse e vespe marine, idre e caravelle portoghesi. La struttura di base degli cnidari è un sacco o sacca con tentacoli e una grande cavità interna chiamata celenteron o cavità gastrovascolare, che ha un'unica apertura che funziona sia come bocca che come ano. Hanno simmetria radiale e sono costituiti da due strati di tessuto: l'ectoderma e l'endoderma, con in mezzo una sostanza gelatinosa chiamata mesoglea, che contiene pochissime cellule. Hanno due tipi principali di organizzazione: il polipo, che è fisso, e la medusa, che è libera. La riproduzione è sessuale o asessuale. Di solito c'è un'alternanza di generazioni tra un asessuato (tipo polipo) e un altro sessuale (tipo medusa), ma possono esserci polipi già sessuati e anche meduse senza che provengano da un polipo. Alcune specie sono in grado di tornare allo stato di immaturità sessuale quando sono vecchie, ringiovanendo e rendendole potenzialmente immortali. Un esempio è Turritopsis nutricula.

Caratteristiche generali

Gli cnidari sono animali diblastici con simmetria chilometrica primaria. Le sue cellule sono organizzate in due strati che fungono da unità funzionali (tessuti), sebbene molte cellule mantengano ancora una certa indipendenza e totipotenza. Hanno solo due foglie embrionali, ectoderma ed endoderma, quindi mancano di mesoderma, sebbene talvolta vi sia un tessuto analogo (ectomesoderma) di origine ectodermica, non di origine endodermica come il vero mesoderma dei triblastici, e dal quale mai non derivano complessi organi interni. La sua organizzazione corporea è a forma di sacco; come apparato digerente hanno un unico orifizio circondato da tentacoli che funge contemporaneamente da bocca e ano, e una grande cavità gastrovascolare o celenteron a forma di sacca dove avviene la digestione e che viene utilizzata anche come distribuzione dei nutrienti sistema di ossigeno e come sistema escretore. La parete del corpo è composta da tre strati: Ectoderma o epidermide. Omologo dell'ectoderma embrionale. È lo strato esterno; ha una funzione protettiva. Gastroderma. Omologo dell'endoderma embrionale. È lo strato interno; delimita un'ampia cavità, l'unica nell'animale, detta cavità gastrovascolare, che comunica attraverso un unico foro con l'esterno che serve per l'alimentazione, l'escrezione e anche l'espulsione dei gameti. mesoglea. Tra i due strati si trova la mesoglea, che può essere molto sottile e cellulare (senza cellule), oppure essere ben sviluppata e avere diversi tipi di cellule (a seconda del gruppo). Il sistema nervoso ha la forma di una rete o plesso; in molti gruppi ci sono protoneuroni non polarizzati, sebbene possano esserci anche neuroni polarizzati, cellule sensoriali e possano anche essere raggruppati in organi sensoriali. Non ci sono