Calendario runico

Article

November 26, 2022

I calendari runici (o bastoni runici) erano presumibilmente un'invenzione svedese medievale. Erano scritti su pergamena o scolpiti su aste di legno, osso o corno. Il calendario runico è un calendario perpetuo basato sul ciclo metonico. Ciascuno dei 19 anni del ciclo è rappresentato da un numero aureo o da una delle 16 rune del Futhark più tre rune speciali aggiuntive: Arlaug (numero aureo 17), Tvimadur (numero aureo 18) e Belgthor (numero aureo 19). I giorni dell'anno sono presentati in una lunga fila usando 52 ripetizioni delle prime sette rune del Futhark per rappresentare 52 settimane di 7 giorni ciascuna. In una seconda riga, una delle 19 rovine rappresenta ogni anno del ciclo e segna la data, indicando che la luna nuova cade in quella data quest'anno. Ad esempio, nel diciottesimo anno del ciclo, le lune nuove cadevano nelle date contrassegnate con Tvimadur, il simbolo dell'anno 18. Solstizi, equinozi e celebrazioni (e possibilmente festività cristiane) con linee e simboli aggiuntivi. Il più antico almanacco conosciuto, la canna di Nyköping, è stato datato al XIII secolo, ma tra il XVI e il XVII secolo si trovano diverse centinaia di calendari in legno.