Abraham B. Yehoshua

Article

June 29, 2022

Abraham B. Yehoshua, pseudonimo di A. B. Yehoshua (א.ב. יהושע), Gerusalemme, 19 dicembre 1936 – Tel Aviv, 14 giugno 2022) è stato un romanziere, saggista e drammaturgo israeliano. New York Times. È stato riconosciuto come uno degli scrittori più prestigiosi di Israele.

Biografia

Abraham ("Boolie") Yehoshua nacque nella famiglia di Gerusalemme di quinta generazione di discendenza sefardita. Suo padre, Yaakov Yehoshua, era uno studioso e autore specializzato nella storia di Gerusalemme. Sua madre, Malka Rosilio, emigrò dal Marocco nel 1932. Cresciuto nel distretto di Kerem Avraham a Gerusalemme, Yehoshua prestò servizio come paracadutista nell'esercito israeliano tra il 1954 e il 1957. Frequentò la Gymnasia Rehavia. Dopo aver studiato lettere e filosofia all'Università Ebraica di Gerusalemme, iniziò ad insegnare. Ha vissuto nel quartiere Neve Sha'anan di Gerusalemme.Dal 1963 al 1967 ha vissuto e insegnato a Parigi ed è stato segretario generale dell'Unione Mondiale degli Studenti Ebraici. Dal 1972 ha insegnato letteratura comparata ed ebraica all'Università di Haifa, dove ha ricoperto il grado di professore ordinario. Nel 1975 è stato scrittore residente al St Cross College di Oxford. È stato anche professore in visita all'Università di Harvard (1977), Chicago (1988, 1997, 2000) e Princeton (1992). Era sposato con Rivka, psicologa clinica e psicoanalista, e avevano una figlia, due figli e sei nipoti. È morto il 14 giugno 2022 in un ospedale di Tel Aviv all'età di venticinque anni, di cancro.

Carriera letteraria

Dalla fine del suo servizio militare, Yehoshua iniziò a pubblicare narrativa. Il suo primo libro di racconti, Mot Hazaken ("La morte del vecchio") è stato pubblicato nel 1962. Divenne una figura di spicco nella "nuova generazione" di scrittori israeliani che differivano dai primi scrittori per la sua attenzione all'individuo e l'interpersonale piuttosto che il gruppo. Yehoshua nominò Franz Kafka, Shmuel Yosef Agnon e William Faulkner come influenze formative. Harold Bloom ha scritto un articolo su Yehoshua A Late Divorce sul New York Times, e lo ha anche menzionato nel suo libro The Western Canon. Yehoshua è stato l'autore di undici romanzi, tre libri di racconti, quattro opere teatrali e quattro raccolte di saggi, tra cui Ahizat Moledet (Homeland Lesson, 2008), un libro di riflessioni sull'identità e la letteratura. Il suo miglior romanzo, Mr. Mani, è uno sguardo multigenerazionale sull'identità ebraica e su Israele attraverso cinque conversazioni che coprono più di 200 anni di vita ebraica a Gerusalemme e nel bacino del Mediterraneo. È stato adattato per la televisione come una serie multilingue in cinque parti dal regista Ram Loevy. Come molte delle sue opere, il suo ottavo romanzo, Friendly Fire, esplora la natura delle relazioni familiari disfunzionali in un dramma che si muove qui tra Israele e Tanzania. Le sue opere sono state tradotte in 28 paesi e molte sono state adattate per film, televisione, teatro e opera.

Viste e opinioni

Yehoshua era un attivista del Movimento per la pace in Israele. Ha assistito alla firma dell'Accordo di Ginevra ed ha espresso liberamente le sue opinioni politiche in saggi e interviste. Era un critico dell'occupazione israeliana, ma anche dei palestinesi. Lui e altri intellettuali si sono mobilitati a favore del Movimento Nuovo - Meriti prima delle elezioni israeliane del 2009. Secondo La Stampa, prima dell'operazione Lead Melt dell'esercito israeliano (2008-2009), ai residenti di Gaza esortandoli a porre fine alle violenze. Ha spiegato perché l'operazione israeliana era necessaria e perché doveva finire: "Proprio perché la gente di Gaza è un nostro vicino, dobbiamo essere proporzionati in questa operazione. Dobbiamo cercare di raggiungere un cessate il fuoco il prima possibile.