Mahmud Darwish

Article

August 17, 2022

Mahmoud Darwish (13 marzo 1941 - 9 agosto 2008), uno dei più importanti poeti palestinesi, arabi e internazionali il cui nome è associato alla poesia della rivoluzione e della patria. Darwish è considerato uno dei più importanti contributori allo sviluppo della poesia araba moderna e all'introduzione del simbolismo in essa. Nella poesia di Darwish, l'amore per la patria si mescola con l'amore femminile. Ha scritto il documento della Dichiarazione d'indipendenza palestinese che è stata dichiarata in Algeria.

La sua vita

Mahmoud Darwish è un poeta palestinese e membro del Consiglio nazionale palestinese affiliato all'Organizzazione per la liberazione della Palestina, ha scritto raccolte di poesie ricche di contenuti modernisti. È nato nel 1941 ad Al-Birwa, un villaggio palestinese situato in Galilea vicino alla costa di Acri, dove la sua famiglia possedeva dei terreni. La famiglia andò con i profughi palestinesi nel 1948 in Libano, poi tornò come infiltrato nel 1949 dopo la firma degli accordi di armistizio, per trovare il villaggio distrutto e un moshav (un villaggio agricolo israeliano) “Ahihud” costruito sulle sue terre. Il kibbutz Yas'ur viveva con la sua famiglia nel nuovo villaggio. Dopo aver completato gli studi secondari alla Bani Secondary School di Kfar Yasif, è entrato a far parte del Partito Comunista Israeliano e ha lavorato nella stampa del partito come Al-Ittihad e Al-Jadeed, di cui è poi diventato supervisore al montaggio. Ha anche partecipato alla redazione del quotidiano Al-Fajr, pubblicato da Mapam.

Studio e Politica

Mahmoud Darwish è stato più volte arrestato dalle autorità israeliane, a partire dal 1961, con l'accusa relativa alle sue dichiarazioni e alla sua attività politica, fino al 1972, quando si è recato in Unione Sovietica per motivi di studio, per poi trasferirsi come rifugiato al Cairo, dove ha lavorato per Giornale Al-Ahram nello stesso anno, dove si unì all'Organizzazione per la Liberazione della Palestina, e poi in Libano, dove lavorò nelle istituzioni editoriali e di studio dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina, sapendo di essersi dimesso dal Comitato Esecutivo dell'Organizzazione per la Liberazione in segno di protesta contro gli accordi di Oslo. Inoltre, ha fondato la rivista educativa Al-Karmal.

Posizioni e affari

È stato presidente dell'Unione generale degli scrittori e scrittori palestinesi e ha curato la rivista Al-Karmel. La sua residenza era a Parigi prima del suo ritorno in patria, poiché entrò in Palestina con un permesso per visitare sua madre. Mentre era lì, alcuni membri arabi ed ebrei della Knesset israeliana hanno fatto una proposta per permettergli di rimanere, e gli è stato permesso di farlo. Dal 1973 al 1982 ha vissuto a Beirut e ha lavorato come redattore capo della rivista Palestine Affairs, ed è diventato direttore del Centro di ricerca dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina prima di fondare la rivista Al-Karmel nel 1981. Nel 1977, i suoi libri in arabo avevano venduto di più di un milione di copie, ma la guerra civile libanese scoppiò tra il 1975 e il 1991, così lasciò Beirut nel 1982 dopo che l'esercito israeliano guidato da Ariel Sharon invase il Libano e assediò per due mesi la capitale Beirut ed espulse