Striscia di Gaza

Article

May 18, 2022

La Striscia di Gaza è la regione meridionale della pianura costiera palestinese sul Mar Mediterraneo; Sotto forma di una stretta striscia a nord-est della penisola del Sinai, che è una delle due aree isolate (l'altra è la Cisgiordania) entro i confini della Palestina Mandataria che non erano controllate dalle forze sioniste nella guerra del 1948, e non divenne all'epoca entro i confini del nascente Stato di Israele e costituiva circa l'1,33% dell'area Palestina. La Striscia di Gaza prende il nome dalla sua città più grande, Gaza. Il settore si estende su una superficie di 360 km2, la sua lunghezza è di 41 km e la sua larghezza varia tra i 5 ei 15 km. Israele confina con la Striscia di Gaza a nord e ad est, mentre l'Egitto la confina a sud-ovest. Fa parte dei territori in cui l'Autorità Palestinese ha cercato di stabilire uno stato all'interno dei suoi confini attraverso negoziati da oltre 20 anni nel quadro della soluzione dei due stati.

Settore Storia Moderna

Nel 1917, la città di Gaza cadde nelle mani dell'esercito inglese e l'area circostante, insieme al resto delle città della Palestina, cadde sotto il mandato britannico della Palestina nel 1920. Le città a sud della costa palestinese erano Ashdod , Majdal, Gaza, Deir al-Balah, Khan Yunis e Rafah all'interno delle terre promesse dello Stato arabo palestinese e di una striscia al confine con l'Egitto. Tuttavia, questo piano non fu mai attuato e perse la sua validità in seguito alle ripercussioni della guerra del 1948 . Nella guerra del 1948, in cui le forze sioniste espulsero molti palestinesi dalle zone costiere e li spinsero a sud in una stretta striscia fino alla periferia di Gaza, che erano le forze d'avanguardia egiziane che re Farouk ordinò di spostare sotto la pressione delle strade egiziane , lo presero come un centro e il governo di tutta la Palestina guidato da Ahmed Helmy non godette di Abd al-Baqi, che crebbe nel mezzo della guerra il 23 settembre 1948, con il riconoscimento delle forze arabe dominanti. Il 24 febbraio 1949, Egitto e Israele firmarono una tregua, che stabiliva che l'Egitto mantenesse il controllo del settore ristretto, che era affollato da circa 300.000 rifugiati palestinesi, che fu chiamato la "Striscia di Gaza".

Ritorno

Il settore rimase sotto il dominio egiziano fino alla guerra del 1967, ad eccezione di 5 mesi durante i quali l'esercito israeliano occupò il settore nell'ambito di un attacco all'Egitto che faceva parte delle operazioni militari legate alla crisi di Suez. Nel marzo 1957 l'esercito israeliano si ritirò e l'Egitto rinnovò il dominio militare sulla Striscia. Nella guerra del 1967, Israele si espanse e occupò la penisola del Sinai, e la Striscia cadde di nuovo sotto il controllo israeliano, e la Striscia formò con la Cisgiordania la parte palestinese delle terre occupate da Israele in quella guerra. Le autorità di occupazione hanno confiscato aree comuni delle terre di Gaza e vi hanno costruito molti insediamenti, compreso l'insediamento di Erez e Netzarim.