Sherine Abu Aqleh

Article

May 29, 2022

Shireen Nasri Antoun Abu Aqleh (nata il 3 aprile 1971 a Gerusalemme – uccisa l'11 maggio 2022 a Jenin) è una giornalista palestinese che ha lavorato come giornalista per la rete mediatica Al Jazeera tra il 1997 e il 2022. Sherine Abu Akleh era una delle giornaliste più importanti del mondo arabo e una giornalista veterana, che dopo la sua morte è stata descritta come una delle "figure più importanti dei media arabi". La sua carriera ha incluso la copertura di importanti eventi palestinesi, inclusa la seconda intifada, e l'analisi della politica israeliana. I suoi servizi in diretta televisiva e i suoi segnali in primo piano erano ben noti e ha ispirato molti palestinesi e altri arabi a intraprendere una carriera nel giornalismo.

La sua vita

Shireen Abu Aqleh è nata il 3 aprile 1971 a Gerusalemme da una famiglia cristiana con radici a Betlemme. Si è diplomata alla Rosary Sisters School di Beit Hanina a Gerusalemme. Inizialmente ha studiato architettura presso l'Università di Scienza e Tecnologia in Giordania, poi si è trasferita a una specializzazione in giornalismo e media - minore in scienze politiche, e ha conseguito una laurea presso la Yarmouk University in Giordania nel 1991. Dopo la laurea, è tornata in Palestina e ha lavorato in diversi siti come: UNRWA, Voice of Palestine Radio, Amman Satellite Channel, poi la Fondazione Muftah e Monte Carlo Radio. Fino a quando non è stata uccisa a colpi di arma da fuoco dall'esercito di occupazione israeliano l'11 maggio 2022. Sherine ha raccontato gli eventi della rivolta palestinese nel 2000, l'invasione israeliana del campo di Jenin e Tulkarm nel 2002 e le varie incursioni e operazioni militari israeliane nella Striscia di Gaza. È stata la prima giornalista araba ad essere ammessa nel carcere di Ashkelon nel 2005, dove ha intervistato prigionieri palestinesi condannati a lunghe pene detentive.

Il suo assassinio

L'11 maggio 2022, il Ministero della Salute palestinese ha annunciato di essere stata colpita alla testa e che le sue condizioni erano molto critiche mentre copriva l'incursione dell'esercito israeliano nel campo di Jenin. Pochi minuti dopo, il ministero della Salute ha annunciato che era morta nel pronto soccorso dell'ospedale specializzato Ibn Sina di Jenin per gravi ferite alla testa.

Anatomia

Il Direttore del Dipartimento di Medicina Legale dell'Università Nazionale di An-Najah, Rayan Al-Ali, ha annunciato il completamento della prima fase dell'autopsia sul corpo di Abu Aqleh, confermando che non c'erano prove che la sparatoria fosse avvenuta a distanza di meno di un metro, e aggiunse che un proiettile mutilato era stato trattenuto finché non poteva essere studiato in laboratorio. , mentre il Direttore dell'Istituto di Medicina Legale in