Rafik Hariri

Article

May 18, 2022

Rafik Hariri (1 novembre 1944 - 14 febbraio 2005), leader libanese, ex primo ministro libanese e uomo d'affari. Era considerato uno dei migliori uomini d'affari del mondo e ha la doppia nazionalità libanese e saudita. Ha svolto un ruolo importante nel porre fine alla guerra civile libanese e ricostruire il Libano dopo di essa. Ha svolto molte opere di beneficenza, la più famosa delle quali è stata fornire borse di studio per studi universitari a più di 36.000 giovani uomini e donne di tutte le sette libanesi per un periodo di 20 anni, oltre a fornire aiuto alle vittime dell'aggressione israeliana al Libano , aiutando gli orfanotrofi e gli anziani e salvando dai debiti la Makassed Islamic Charitable Association. Era noto per la sua autocostruzione, poiché non ereditava denaro o potere, come nel caso della maggior parte dei politici libanesi, ed è diventato una delle persone ricche del mondo grazie al suo sforzo personale. Fu assassinato il 14 febbraio 2005, con un esplosivo del peso di più di 1000 kg di tritolo, il suo assassinio provocò la Rivoluzione dei cedri, che espulse l'esercito siriano dal Libano e portò all'istituzione di un tribunale internazionale per smascherare e perseguire i Nel suo verdetto emesso il 18 agosto 2020, ha condannato l'accusato Salim Ayyash è stato coinvolto nell'assassinio.

CV

La sua nascita

Lui è Rafik Bahaa El-Din Hariri, nato a Sidone, nel Libano meridionale, dal padre di un contadino. Ha terminato gli studi secondari nel 1964, poi si è unito all'Università Araba di Beirut per studiare contabilità, e in quel momento era un membro attivo del Movimento Nazionalista Arabo, guidato dal Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina.

La sua vita lavorativa

Nel 1965 interruppe gli studi a causa di elevate spese finanziarie ed emigrò in Arabia Saudita, e lavorò come insegnante di matematica presso la Saudi Primary School di Jeddah, poi lavorò come contabile in una società di ingegneria. Nel 1969 fonda la propria società nel campo degli appalti, il cui ruolo emerge come uno dei principali partecipanti ai processi di ricostruzione accelerata di cui il Regno era in quel momento testimone. La sua azienda è cresciuta rapidamente durante gli anni '70 poiché ha eseguito una serie di contratti governativi per la costruzione di uffici, ospedali, hotel e palazzi reali. Alla fine degli anni settanta del XX secolo, acquistò la francese "Oger Company" e la fuse nella sua società, diventando Saudi Oger, e l'azienda divenne una delle più grandi società appaltatrici del mondo arabo e la sua attività si espanse fino a includere una rete di banche e società in Libano e Arabia Saudita, oltre a società assicurative, editoriali e dell'industria leggera. Era rispettato e fidato dalla famiglia saudita regnante e gli fu concessa la cittadinanza saudita nel 1978. All'inizio degli anni ottanta divenne uno dei 100 uomini più ricchi del mondo e durante gli anni ottanta lavorò come inviato personale del re di L'Arabia Saudita Fahd bin Abdulaziz Al Saud in Libano, e ha svolto un ruolo importante nella formulazione del .️