guerra d'inverno

Article

May 18, 2022

La guerra d'inverno, (7) conosciuta anche come la prima guerra sovietico-finlandese, fu una guerra tra l'Unione Sovietica e la Finlandia iniziata con l'invasione sovietica della Finlandia il 30 novembre 1939, tre mesi dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale e terminò tre mesi e mezzo dopo con il Trattato di pace di Mosca il 13 marzo 1940. L'Unione Sovietica subì pesanti perdite e all'inizio fece pochi progressi, nonostante le sue capacità militari superiori, specialmente nei carri armati e negli aerei. La Società delle Nazioni ha ritenuto illegale l'invasione ed ha espulso l'Unione Sovietica dall'organizzazione. I sovietici fecero diverse richieste, tra cui che la Finlandia cedesse vaste aree di confine in cambio di aree altrove, principalmente per motivi di sicurezza per proteggere Leningrado, situata a 32 km (20 miglia) dal confine finlandese. Quando la Finlandia ha rifiutato, l'Unione Sovietica ha invaso. La maggior parte delle fonti concludono che l'Unione Sovietica intendesse occupare interamente la Finlandia e citano l'istituzione del governo fantoccio comunista finlandese e i protocolli segreti del patto Molotov-Ribbentrop,(8), mentre altre fonti rifiutano l'idea di una piena invasione sovietica .(9) La Finlandia respinse gli attacchi sovietici per più di due mesi e inflisse perdite Gli invasori furono gravemente colpiti, durante un periodo in cui le temperature raggiunsero un minimo di -43° (-45° F). Le battaglie erano principalmente incentrate su Taipale nell'istmo careliano, Kula nella Carelia Ladoga e sulla strada Ratanti a Kainuu, ma le battaglie si svolsero anche a Sala e Petsamo in Lapponia. Dopo che l'esercito sovietico si è raggruppato e ha adottato tattiche diverse, ha rinnovato la sua offensiva a febbraio e ha superato le difese finlandesi. I combattimenti si fermarono nel marzo 1940 dopo la firma del Trattato di pace di Mosca in base al quale la Finlandia cedeva il 9% del suo territorio all'Unione Sovietica. Per l'altra parte, le perdite sovietiche furono pesanti e la reputazione internazionale del paese fu danneggiata. Tuttavia, i suoi guadagni superarono di gran lunga le sue pretese prebelliche e l'Unione Sovietica annesse vaste aree lungo il lago Ladoga e nell'estremo nord. La Finlandia ha mantenuto la sua sovranità e ha migliorato la sua reputazione internazionale. La scarsa prestazione dell'Armata Rossa ha incoraggiato la convinzione del leader tedesco Adolf Hitler che l'attacco all'Unione Sovietica avrebbe avuto successo e ha confermato le opinioni occidentali negative sull'esercito sovietico. La Germania nazista lanciò l'Operazione Barbarossa nel giugno 1941, dopo 15 mesi di pace temporanea, e scoppiò la Guerra di Continuazione tra la Finlandia e l'Unione Sovietica.

Cenni storici

Relazioni e politiche sovietico-finlandesi

La Finlandia è stata la parte orientale del Regno di Svezia fino all'inizio del XIX secolo. Dal 21 febbraio 1808 al 17 settembre 1809, l'impero russo accese il