geopolitica

Article

June 27, 2022

Geopolitica o geopolitica è un termine tradizionale che si applica principalmente all'influenza della geografia sulla politica. È la scienza che studia l'influenza della terra (terra, mare, alture, sottosuolo, ricchezza e posizione) sulla politica in cambio della politica sforzarsi di sfruttare questi vantaggi secondo una prospettiva futura che aggiungesse alla geopolitica, il ramo della geostrategicamente. Ma si è evoluto per essere utilizzato nel secolo scorso per includere connotazioni più ampie e tradizionalmente si riferisce ai collegamenti e alle relazioni causali tra potere politico e spazio geografico, in termini specifici. È spesso visto come un insieme di criteri per il pensiero strategico e attributi definiti sulla base dell'importanza relativa della potenza terrestre e della potenza marittima nella storia mondiale. Questa espressione deriva da due parole, geo (greco: γῆῆ) che significa terra / e la parola politico (politico). A livello accademico, lo studio della geografia politica prevede l'analisi della geografia, della storia e delle scienze sociali con le politiche del luogo e dei modelli alle varie scale (a partire dal livello statale al livello internazionale). Fu coniato per la prima volta dallo scienziato svedese "Rudolf Kellen" (1864-1922) per denotare lo studio dell'impatto della geografia sulla politica, dopodiché assunse diversi significati.

Stati Uniti d'America

Alfred Thayer Mahan e la sovranità marittima

Alfred Thayer Mahan (1840-1914) forniva continuamente il suo commento politico sugli affari diplomatici e sulla strategia marittima globale. Mahan credeva che il raggiungimento della grandezza nazionale fosse strettamente legato al mare, in particolare attraverso l'uso commerciale del mare in tempo di pace e il suo controllo in tempo di guerra. Basandosi sulla sua struttura teorica di Antoine-Henri Jomini, Mahan ha sottolineato che le posizioni strategiche (come punti di strozzatura, canali e siti di carbone), con livelli quantificabili della potenza di combattimento della flotta, erano appropriate per stabilire il controllo sul mare. Mahan ha presentato sei condizioni di cui qualsiasi nazione avrebbe bisogno per ottenere la supremazia marittima: Posizione geografica appropriata. L'idoneità all'uso delle coste, l'abbondanza delle risorse naturali e l'idoneità del clima. Ampliamento della superficie terrestre. La popolazione è abbastanza numerosa per difendere la propria terra. Una comunità che ha il potenziale per lavorare in mare e iniziative commerciali. Oltre a un governo influente e un debole per il dominio marittimo, Mahan ha distinto una grande regione del mondo all'interno del contesto eurasiatico, la regione centrale dell'Asia situata tra le latitudini 30° e 40°N tra l'Asia Minore e il Giappone. In questa regione ci sono paesi che hanno mantenuto la loro indipendenza: Turchia, Persia, Afghanistan, Cina e Giappone. Mahan considerava quei paesi tra le sfere di influenza della Gran Bretagna