Repubblica Democratica del Congo

Article

May 18, 2022

La Repubblica Democratica del Congo (francese: République démocratique du Congo o RD Congo), chiamata anche Congo Kinshasa, o Congo, e storicamente conosciuta come Zaire, è un paese situato nell'Africa centrale. È il più grande paese dell'Africa subsahariana, il secondo più grande del continente africano (dopo l'Algeria) e l'undicesimo più grande del mondo. La Repubblica Democratica del Congo è il Paese francofono più popoloso del mondo, il terzo Paese africano più popoloso (dopo Nigeria ed Etiopia) e il 14° Paese più popoloso del mondo. È membro delle Nazioni Unite, del Movimento dei Non Allineati, dell'Unione Africana e del COMESA. Dal 2015 la Repubblica Democratica del Congo orientale è teatro di conflitti armati nel Kivu. Gli esseri umani in cerca di cibo abitavano la regione in cui si trova la Repubblica Democratica del Congo 90.000 anni fa e si concentravano attorno al bacino del Congo, quindi l'espansione bantu raggiunse la regione circa 3.000 anni fa. A ovest, il Regno del Congo ha governato l'area intorno alla foce del fiume Congo dal XIV al XIX secolo. Nel Congo nord-orientale, centrale e orientale, i regni Azande, Luba e Luda governarono la regione dal XVI e XVII secolo fino al XIX secolo. L'esplorazione europea del bacino del Congo iniziò nel 1870, poco prima dell'inizio della Scramble for Africa, e fu guidata per la prima volta dall'esploratore Henry Morton Stanley sotto la direzione del re Leopoldo II del Belgio. Leopoldo ottenne formalmente la concessione per espropriare la regione del Congo al Congresso di Berlino nel 1885 e fece sua la terra, nominandola Stato Libero del Congo. Ai tempi dello Stato Libero, le sue unità militari coloniali denominate "Forze Generali" obbligavano la popolazione locale a produrre gomma. Dal 1885 al 1908 milioni di congolesi morirono a causa di epidemie e sfruttamento. Nel 1908 Leopoldo, dopo la sua riluttanza, cedette lo Stato Libero del Belgio e il suo nome divenne Congo Belga. Il Congo ottenne l'indipendenza dal Belgio il 30 giugno 1960, con il nome di "Repubblica del Congo". Il leader nazionalista congolese Patrice Lumumba è stato eletto primo primo ministro e Joseph Kasavubu il primo presidente della repubblica. Sorse un conflitto sull'amministrazione, noto come la crisi del Congo. La provincia del Katanga, sotto il governo di Moise Tshombe e la provincia del Kasai meridionale, tentò di separarsi dalla repubblica. Dopo che le Nazioni Unite e i governi occidentali hanno respinto le richieste di sostegno di Lumumba, si è dichiarato pronto ad accettare l'aiuto di qualsiasi paese in crisi, anche l'Unione Sovietica, e qui gli Stati Uniti e il Belgio hanno allertato e vigilato sulla sua rimozione dalla sua posizione da Kasavubu il 5 settembre e l'esecuzione di...