Tawfeek Al Hakeem

Article

August 17, 2022

Tawfiq al-Hakim (1315 AH / 9 ottobre 1898 d.C. - 1407 AH / 26 luglio 1987), nacque ad Alessandria e morì al Cairo. Scrittore e scrittore egiziano, uno dei pionieri del romanzo e della drammaturgia araba e uno dei nomi di spicco nella storia della letteratura araba moderna.Nel corso delle successive generazioni di scrittori, la sua famosa opera teatrale Ahl al-Kahf nel 1933 fu un evento importante in Il dramma arabo, in quanto fu l'inizio dell'emergere di una corrente teatrale nota come teatro mentale. Nonostante la prolifica produzione di Tawfiq al-Hakim, scrisse solo poche opere teatrali che potevano essere rappresentate in scena.Con grande profondità e consapevolezza, la sua corrente teatrale fu chiamata teatro mentale perché era difficile incarnarla in un'opera teatrale L'abisso tra me e il palcoscenico, e non ho trovato un ponte che trasmette tali opere a persone diverse dalla stampa.Al-Hakim è stato il primo autore che si è ispirato nelle sue opere teatrali con argomenti derivati ​​dall'eredità egiziana, e questa eredità è stata ispirata da questa eredità attraverso le sue diverse epoche, siano esse faraoniche, romane, copte o islamiche, ma alcuni critici lo hanno accusato di avere quelle che hanno descritto come tendenze faraoniche, specialmente dopo il suo romanzo Il ritorno dello spirito. Suo padre lo mandò in Francia per stare lontano dal teatro e dedicarsi allo studio del diritto, ma durante il suo soggiorno a Parigi per 3 anni, apprese le arti del teatro, che era la sua principale preoccupazione, i grandi miti e le epiche greche. Quando Tawfiq al-Hakim ha letto che alcuni giocatori di football sotto i vent'anni ricevono milioni di sterline, ha detto la sua famosa frase: "L'era della penna è finita ed è iniziata l'era del calcio. Questo giocatore ha preso in un anno quello che hanno fatto tutti gli scrittori egiziani non prendere dai giorni di Akhenaton." Contemporaneo delle due guerre mondiali 1914-1939 Fu contemporaneo di giganti letterari in quel periodo, come Mustafa Sadiq Al-Rafi'i, Taha Hussein, Al-Akkad, Ahmed Amin e Salama Musa. e giganti della poesia come Ahmed Shawky e Hafez Ibrahim, e giganti della musica come Sayed Darwish e Zakaria Ahmed Wa