Il fiume Nilo

Article

August 10, 2022

Il fiume Nilo (inglese: Nile, copto: ⲫⲓⲁⲣⲟ, Luganda: Kiira, nubiano: Áman Dawū) è un fiume storico che scorre nell'Africa nord-orientale ed è il fiume più lungo del continente africano e il fiume più lungo del mondo, sebbene ci è una disputa che nasce da alcune ricerche che indicano che il Rio delle Amazzoni è un po' più lungo. La lunghezza del fiume Nilo è di circa 6.650 km (4.130 mi) e il suo spartiacque copre undici paesi chiamati paesi del bacino del Nilo: Tanzania, Uganda, Ruanda, Burundi, Repubblica Democratica del Congo, Kenya, Etiopia, Eritrea, Sud Sudan, Repubblica del Sudan ed Egitto. Il fiume Nilo è la principale fonte d'acqua in Egitto e in Sudan in particolare, l'Egitto dipende dal Nilo per ottenere circa il 97% della sua irrigazione e acqua potabile.Il Nilo ha due principali affluenti: il Nilo Bianco e il Nilo Azzurro. Il Nilo Bianco è la sorgente del Nilo stesso o la sorgente più lontana, mentre il Nilo Azzurro è la fonte della maggior parte dell'acqua del fiume, poiché contiene il 68% di acqua e limo. Il Nilo Bianco è più lungo del Nilo Azzurro e ha origine nella regione dei Grandi Laghi dell'Africa centrale, mentre l'affluente più esterno del Nilo Bianco non è ancora noto con precisione e si trova in Ruanda o in Burundi. Il Nilo Bianco scorre a nord attraverso la Tanzania, il Lago Vittoria, l'Uganda e il Sud Sudan, e il Nilo Azzurro nasce nel Lago Tana in Etiopia e sfocia in Sudan da sud-est. I fiumi White e Blue si incontrano a nord della capitale sudanese, Khartoum. Il Nilo scorre attraverso il deserto sudanese in Egitto verso nord e attraversa la città del Cairo situata sul grande delta del fiume (il delta del Nilo), quindi il fiume attraversa le città di Damietta e Rashid e infine defluisce nel Mar Mediterraneo. Oggi la maggior parte degli abitanti delle città d'Egitto vive da quelle parti, a partire dalla Valle del Nilo, a nord di Assuan. Il fiume Nilo ha una lunga storia, poiché sulle sue sponde sorse una delle civiltà più antiche del mondo, la civiltà dei Faraoni, che risale a più di 5.000 anni fa. Questa civiltà (oltre ai regni sudanesi) ha fatto affidamento sul fiume fin dall'antichità, quando l'agricoltura ne era la principale attività distintiva, soprattutto in Sudan ed Egitto.Pertanto, l'alluvione del Nilo costituì una grande importanza nella vita dell'antico Egitto e della Nubia in quanto bene. Per i faraoni, il diluvio era associato a rituali semi-sacri e tenevano celebrazioni per l'adempimento del Nilo per rallegrarsi del diluvio. Hanno anche registrato queste celebrazioni sotto forma di iscrizioni sui muri dei loro templi e tombe e sulle piramidi per mostrare l'entità della loro riverenza per il diluvio. In epoca islamica, anche i governanti si interessarono al diluvio e progettarono il "nilometro" per misurare l'acqua.