nuova era

Article

June 30, 2022

Il Nuovo Testamento (in greco Koine: Καινή Διαθήκη) è la seconda parte della Bibbia cristiana. Il Nuovo Testamento contiene 27 libri, che sono i quattro Vangeli: Matteo, Marco, Luca e Giovanni, oltre agli Atti degli Apostoli, quattordici lettere di Paolo, sette lettere ad altri apostoli e discepoli e l'Apocalisse. Il Nuovo Testamento ha spesso accompagnato, in tutto o in parte, la diffusione del cristianesimo nel mondo, in quanto fonte della teologia cristiana e della morale cristiana. Letture e frasi del Nuovo Testamento sono incluse accanto a letture dell'Antico Testamento in varie liturgie cristiane. Il Nuovo Testamento ha influenzato i movimenti religiosi, filosofici e politici nel mondo cristiano e occidentale e ha lasciato un segno indelebile nella letteratura, nell'arte e nella musica.

data

Le lettere di Paolo furono scritte prima che i quattro Vangeli fossero scritti nella loro forma greca, e le notizie e gli insegnamenti di Gesù furono trasmessi oralmente tra i credenti cristiani dai dodici apostoli, dai settanta discepoli e da altri testimoni. sono stati scritti tra il 40 d.C. e il 95 d.C. Secondo alcuni studiosi, la maggior parte dei libri del Nuovo Testamento furono scritti prima del 70 d.C., come John Robinson e Carsten B. Teddy e altri ricercatori hanno suggerito di scrivere il Vangelo di Luca per l'anno 50 d.C. e fino a un massimo del 70 d.C. Secondo altri, avrebbe scritto prima il Vangelo di Luca, perché Paolo, nella sua seconda lettera ai Corinzi, che scrisse intorno all'anno 54-55 dC, presuppone l'esistenza di un Vangelo esistente. Traduzioni dell'intero Nuovo Testamento si sono diffuse in molti paesi dell'Oriente e dell'Occidente e in molte lingue, tra cui il siriaco (Pechita), il copto (traduzione alessandrina), il latino (Vulgata), il greco e altre. I padri lo citarono nei loro scritti, sermoni e ricerche, ad esempio citando dal Vangelo di Matteo molti santi della seconda metà del I secolo, come papa Clemente il Romano, così come sant'Ignazio di Antiochia nel suo sette lettere che questa epistola sia letta a tutti i santi fratelli.” La compilazione dei libri del Nuovo Testamento, e il suo consolidamento in un crogiolo, è il risultato di uno sviluppo lungo e complesso. L'autorità suprema in materia di religione era rappresentata dai primi cristiani in due riferimenti, l'Antico Testamento, e il secondo riferimento, che si diffuse rapidamente e convennero all'unanimità di chiamarlo Signore.