Accordo Sykes-Picot

Article

May 18, 2022

L'accordo Sykes-Picot del 1916 è un trattato segreto tra Francia e Regno Unito, con l'approvazione dell'Impero russo e dell'Italia, per dividere la regione della Mezzaluna Fertile tra Francia e Gran Bretagna, per definire le aree di influenza nell'Asia occidentale e per dividere l'Impero Ottomano, che controllava quella regione durante la prima guerra mondiale. L'accordo si basava sulla premessa che la Triplice Intesa sarebbe riuscita a sconfiggere l'Impero Ottomano durante la prima guerra mondiale e faceva parte di una serie di accordi segreti che sperava di dividere. Le prime trattative che portarono all'accordo si svolsero tra il 23 novembre 1915 e il 3 gennaio 1916, data in cui il diplomatico francese Francois Georges-Picot e il britannico Mark Sykes firmarono documenti di memorandum d'intesa tra i ministeri degli esteri di Francia, Gran Bretagna e Russia zarista all'epoca. I governi di quei paesi hanno ratificato l'accordo il 9 e 16 maggio 1916. L'accordo ha effettivamente diviso gli stati arabi ottomani al di fuori della penisola arabica in aree controllate o sotto l'influenza di Gran Bretagna e Francia. L'accordo assegnava alla Gran Bretagna quelle che oggi sono Palestina, Giordania, Iraq meridionale e un'ulteriore piccola area, compresi i porti di Haifa e Acre, per consentire l'accesso al Mediterraneo. Quanto alla Francia, controlla la Turchia sudorientale, l'Iraq settentrionale, la Siria e il Libano. Come risultato dell'accordo Sazonov-Paleologo incluso, la Russia otterrebbe l'Armenia occidentale oltre a Costantinopoli e lo Stretto turco già promesso dall'accordo di Costantinopoli (1915). L'Italia ha accettato questo accordo nel 1917 attraverso l'Accordo di Saint-Jean-de-Maureen, assegnandole l'Anatolia meridionale. L'area della Palestina con frontiere minori rispetto alla successiva Palestina Mandataria sarebbe sotto "amministrazione internazionale". L'accordo è stato inizialmente utilizzato come base diretta per il compromesso anglo-francese ad interim del 1918, che ha concordato un quadro per l'amministrazione dei territori nemici occupati nel Levante. Su scala più ampia, avrebbe dovuto portare indirettamente alla divisione dell'Impero Ottomano dopo la sua sconfitta nel 1918. Poco dopo la guerra, i francesi cedettero la Palestina e Mosul agli inglesi. Il Levante e la Mesopotamia furono poste sotto mandato alla Conferenza di Sanremo nell'aprile 1920 secondo il quadro Sykes-Picot; Il mandato britannico sulla Palestina continuò fino al 1948 e il mandato britannico sull'Iraq fu sostituito da un trattato simile con l'Iraq obbligatorio e il mandato francese sulla Siria e sul Libano continuò fino al 1946. Le parti anatoliche furono determinate secondo il Trattato di Sèvres entro agosto 1920; Ma queste ambizioni furono vanificate dalla guerra d'indipendenza turca del 1919-1923. Molti vedono l'accordo come un punto di svolta