spagnolo

Article

May 22, 2022

Il popolo ispanico o spagnolo è un gruppo etnico e una nazione romantici. Sono originari della Spagna e condividono una cultura, una storia, un'origine e una lingua spagnole comuni. All'interno della Spagna ci sono una serie di nazionalità e regionalismi, che riflettono la storia complessa e la cultura diversificata del paese. Sebbene la lingua ufficiale della Spagna sia generalmente conosciuta come "spagnolo", è solo una delle lingue nazionali della Spagna, la lingua unificata basata sul dialetto medievale del Regno di Castiglia e il dialetto arabizzato della setta di Toledo che fu incorporata all'inizio dell'XI secolo. Esistono diverse lingue regionali di uso comune, le più importanti delle quali sono il pescano, il catalano e il galiziano (entrambe lingue romanze come il castigliano). La numerosa popolazione di origine ispanica è il risultato dell'immigrazione e della diaspora ispanica, che può essere trovata in altre parti del mondo, poiché ci sono molte comunità al di fuori della Spagna che hanno antenati emigrati dalla Spagna e condividono una cultura ispanica, in particolare la Comunità ispaniche in America Latina. La Repubblica Romana invase l'Iberia durante il secondo e il primo secolo aC. A seguito della colonizzazione romana, la maggior parte delle lingue locali in Spagna, ad eccezione della lingua basca, deriva dal latino volgare. I tedeschi occuparono i Vandali e gli Svevi, insieme a una parte degli Alani iraniani sotto il comando del rispettato re, la penisola iberica nel 409 d.C. A loro volta, i Visigoti si stabilirono in Spagna, con la fondazione del Regno Visigoto. La penisola iberica fu conquistata e soggiogata sotto il dominio degli arabi Omayyadi nell'anno 711 e dalle dinastie berbere in Nord Africa come gli Almohadi e gli Almoravidi nell'XI e XII secolo. Dopo la Reconquista cristiana nell'VIII secolo contro i mori musulmani, si formò il moderno stato spagnolo con l'unione dei regni di Castiglia e Aragona e la restaurazione dell'ultimo regno musulmano a Granada e nelle Isole Canarie alla fine del XV secolo. All'inizio del XVI secolo fu conquistato anche il Regno di Navarra. Quando la Spagna espanse il suo impero nelle Americhe, minoranze religiose in Spagna come ebrei e musulmani furono convertite al cristianesimo o espulse e la Chiesa cattolica perseguitò l'eresia durante un periodo noto come Inquisizione spagnola. Un piccolo numero di spagnoli discende da ebrei, arabi e berberi che si convertirono al cattolicesimo, a seguito di 800 anni di occupazione magrebina della penisola iberica. Il cattolicesimo è stato per molto tempo la religione principale in Spagna