Accordo di Oslo 2

Article

June 27, 2022

L'Accordo interinale sulla Cisgiordania e la Striscia di Gaza, noto come Accordo di Oslo 2 o Secondo Accordo di Oslo, è un accordo centrale e complesso nel processo di pace israelo-palestinese. Poiché l'accordo è stato firmato a Taba, a volte viene chiamato Accordo di Taba. L'accordo prevedeva l'istituzione di un governo autonomo palestinese di transizione nei territori palestinesi, ma non includeva la promessa di stabilire uno stato palestinese indipendente. Oslo II ha stabilito le aree A, B e C in Cisgiordania. All'Autorità Palestinese sono stati concessi alcuni poteri e responsabilità limitati nelle aree A e B, con la possibilità di negoziati su un accordo finale in conformità con le risoluzioni 242 e 338 del Consiglio di sicurezza. L'accordo è stato formalmente firmato a Washington il 28 settembre 1995 ed è stato preceduto da eventi sanguinosi che hanno avuto un impatto su di esso: è stato preceduto dal massacro della moschea Ibrahimi e da diversi attacchi suicidi che hanno scosso le profondità israeliane, seguiti dall'assassinio di israeliani Il primo ministro Yitzhak Rabin.

Contesto storico

L'Oslo 2 è stato firmato prima a Taba (nella penisola del Sinai, Egitto) da Israele e dall'Organizzazione per la liberazione della Palestina il 24 settembre 1995 e poi quattro giorni dopo, il 28 settembre 1995 dal primo ministro israeliano Yitzhak Rabin e dal presidente dell'OLP Yasser Arafat con il testimonianza del presidente americano Bill Clinton e dei rappresentanti di Russia, Egitto, Giordania, Norvegia e Unione Europea a Washington, DC. L'accordo si basa sulle basi dell'iniziale Accordo di Oslo 1, formalmente noto come Dichiarazione dei principi sugli accordi di autogoverno provvisorio, che è stato formalmente firmato il 13 settembre 1993 da Israele e dall'Organizzazione per la liberazione della Palestina, dove Rabin e Arafat si sono stretti la mano a Washington DC, con testimonianze ufficiali di Stati Uniti e Russia. I precedenti tre accordi sono stati revocati: L'Accordo Gaza-Gerico o l'Accordo del Cairo, 4 maggio 1994. Accordo sul trasferimento di poteri e responsabilità tra Israele e l'Organizzazione per la liberazione della Palestina, 29 agosto 1994. Protocollo sul trasferimento di più poteri e responsabilità, 27 agosto 1995. L'Accordo di Oslo II è chiamato Accordo interinale perché è stato proposto come base per i negoziati successivi e come precursore di un accordo di pace globale finale. All'indomani di Oslo II sono stati raggiunti vari accordi aggiuntivi, ma i negoziati non hanno prodotto un accordo di pace finale.

Obiettivo dell'accordo

Il preambolo dell'accordo parla di convivenza pacifica, dignità e sicurezza reciproca, pur riconoscendo i diritti politici e giuridici comuni delle parti. L'obiettivo dei negoziati israelo-palestinesi, tra gli altri, è l'istituzione di un autogoverno di transizione palestinese per il popolo palestinese in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, per un periodo di tempo.